Skip to content

Towards Software Components for Non Functional Aspects

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Monga
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ingegneria Informatica e Automatica
Anno: 2001
Docente/Relatore: Carlo Ghezzi
Istituito da: Politecnico di Milano
Dipartimento: Dipartimento di Elettronica e Informazione
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 80

Dealing with problems that the implementation of a complex system sets is a fundamental technique in the work of each designer. Each complex problem is decomposed into more simple subproblems, which solutions are then aggregated to form the complete solution. There are however some problems (called "aspects ") that are transversal to the whole system (eg synchronization of concurrent operations).

In this thesis:

- Different approaches to programming oriented aspects have been analyzed, highlighting the problems that hinder the possibility of treating them as real software components;

- A new language, called Malaj, has been proposed, whereas: (1) issues that must be separated are few, (2) identifying the precise aspects helps to create ad hoc constructs that separate the appearance in a disciplined manner.

- Some specific languages have been defined for the programming oriented to aspect of distributed applications: the coordination of functionalities performed in parallel, the relocation of sections of functionalities in different address spaces, the declaration and the possibility of handling exceptional situations.

- And has been shown that the approach allows us to clarify the relationship between constructs and aspects of typical object-oriented languages such as inheritance.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduction Solution: The act of separating the parts of any body, or the condition of undergoing a separation of parts. — Webster’s Revised Unabridged Dictionary (1913) Separation of concerns is a key engineering principle [18] applied in analysis, design, and implementation of systems. Designers want to think about one problem at a time and separation of concerns means decomposing a system into parts, each of which deals with, and encap- sulates a particular area of interest, called a concern. Software engineers learned how decomposition of a complex sys- tem into simpler sub-systems can make the problem tractable because the complete solution can be built out of sub-solutions, found relatively independently. In fact, most analysis and design notations and pro- gramming languages provide constructs for organising descriptions as hierarchical structures aggregating simpler modular units. Moreover, the development of every non trivial system necessar- ily involves many people, and it is crucial to entrust individuals with precise responsibilities, according their skills, knowledge, and expert- ise. In fact, multiple perspectives of the system must exist to cope with different development phases, different issues, different stake-holders. These different viewpoints [20] need an explicit representation in order to make possible concurrently carrying out and integrating them in co- herent analysis, design, implementation, testing and deployment arti- facts. Thus, smart techniques for expressing separate solutions to differ- ent concerns and composing them in the final system are needed at every stage of development. In particular, programming languages need proper idioms to help implementors in applying good “divide et impera” principles to their programs. Traditional programming lan- guages have supported the partitioning of software in modular units of functionality. Such parts are then assembled to get the desired func- tionality of the whole system. The history of programming languages 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aop
aspect oriented programming
aspectj
malaj
software engineering

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi