Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una scelta contrastata. L'adesione del Regno Unito alla Comunità europea (1945-1963)

Storia delle motivazioni che portarono la Gran Bretagna nel dopoguerra dal suo iniziale arrogante isolazionismo alla volontà di aderire alla CEE, con una particolare attenzione al dibattito interno (posizione di partiti e movimenti, la stampa, ecc).

Mostra/Nascondi contenuto.
VII INTRODUZIONE La ricerca intende illustrare le motivazioni profonde che indussero, tardivamente, il Regno Unito a tentare la via della piena adesione alla Comunità Economica Europea e analizzare l’origine di quell’atteggiamento scarsamente cooperativo verso il processo d’integrazione europea, che tuttora caratterizza i rapporti del Regno Unito con l’Unione Europea. John Robert Seely, il famoso storico britannico, sosteneva come lo studio della storia non potesse essere disgiunto dallo studio della politica, affermando che chi studia la storia non studia solo il passato, ma anche il presente e l’avvenire. L’interesse per il Regno Unito, da sempre considerato un awkward partner dei paesi continentali, nasce dalla convinzione che il processo d’integrazione necessiti anche del contributo dei paesi meno propensi al suo sviluppo: da qui l’utilità di una maggiore attenzione per il loro “punto di vista”. Wolfram Kaiser, nell’introduzione al suo Using Europe, Abusing Europeans, un’opera dedicata al rapporto tra la Gran Bretagna e il processo d’integrazione continentale, presenta un interessante paragone tra l’approccio della storiografia, sia britannica sia “continentale”, al problema dell’atteggiamento del Regno Unito nei confronti della cooperazione in Europa e la tendenza della storiografia tedesca, negli anni ’60 e ’70, a interpretare la storia della Germania in termini di una sua specifica “Sonderweg”, o “via particolare”. Kaiser ritiene che come la teoria della “Sonderweg” riconduce la storia tedesca a un processo degenerativo “innaturale” che nei secoli aveva condotto sino a Hitler, la Gran Bretagna sia a sua volta considerata vittima di un processo d’“anormale” distacco dal continente europeo, proprio nel momento in cui altri paesi sul continente sentivano la necessità di una più stretta cooperazione. La tesi dell’awkward partner, come

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gabriele Egidio Rosso Contatta »

Composta da 538 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2221 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.