Skip to content

Il trasferimento di azienda

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Caniglia Cogliolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Clara Enrico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

Il trasferimento di azienda costituisce istituto i cui tratti sono, oggidì in modo particolare, estremamente delicati, e tale particolare condizione deriva dagli effetti che esso spiega sul tessuto sociale del nostro Paese.
Il punto di partenza per analizzare la vicenda circolatoria dell'azienda, è costituito dallo studio del concetto di azienda. Iniziando a scorporare la nozione fornita dall'art. 2555 cod. civ., si passa poi ad un esame storico della norma dell'art. 2112 cod. civ., indagine che non può non tenere conto dei risultati interpretativi della dottrina e della giurisprudenza, nonchè delle modifiche legislative che sono state apportate all'impianto normativo delineato dal legislatore del 1942. Tali mutamenti sono dovuti alle variate condizioni socio economiche del terreno su cui il 2112 operava, e inoltre dalla nascita di un soggetto sovranazionale ben dopo l'entrata in vigore del codice civile. Tale soggetto nasce con lo scopo di agevolare le relazioni economiche tra i soggetti generanti, e a tal fine viene dotato del potere di emanare regole il cui contenuto normativo vincoli in modo cogente coloro che lo hanno creato. La Comunità Europea intervenne già negli anni settanta a disciplinare la fattispecie del trasferimento di azienda, e da allora lo ha fatto altre volte, tanto in via diretta, cioè attraverso la concretizzazione del suo potere regolatore, quanto in via indiretta, ovvero grazie ai giudici delle sue Corti. Pertanto per una completa comprensione della fattispecie del trasferimento di azienda è stato necessario studiarne la storia in modo "dinamico".
Individuato il nocciolo della tesi, il punctum qaestionis, l'attenzione viene spostata sugli effetti "interni" alla cessione dell'azienda, ovvero sulla relazione tra i rapporti di lavoro e la dismissione aziendale; con analisi pseudo sociologica si affronta altresì la spinosa questione della rilevanza, o meno, del consenso del singolo lavoratore ceduto al passaggio alle dipendenze del nuovo datore di lavoro. Inoltre tenendo presente che il lavoratore, tradizionalmente il soggetto debole, è anche quello con le minori conoscenze delle vicende in cui si viene a trovare la sua sfera giuridica, lo Stato moderno ha previsto che particolari figure si occupassero di tutelare quanto più possibile tale centro di interessi. Il sindacato, preposto appunto a tale tutela, di recente assume anche in questo frangente un ruolo di primo piano. Ad esso infatti vengono conferite particolari funzioni affinchè l'operazione economica sia posta in essere secondo il rispetto di principi, e procedure, che vengono giudicate primarie. Lo studio di questi due aspetti costituisce un tutt'uno per così dire procedurale cui non si poteva assolutamente prescindere.
La rapidità propria dei tempi attuali si riflette anche nel mondo del diritto, ovverosia quello che dovrebbe essere il più pronto a rispondere a tali istanze, ma che proprio per dare risposte esaurienti e complete, "di chiusura", impiega parecchio, posto che la sua funzione è quella di ricondurre tutti gli interessi particolari ad un interesse il cui carattere è quello matematico del minimo comun denominatore. Anche nel trasferimento di azienda si assiste a fenomeni i cui tratti dinamici non trovano definizione o accoglimento stabile in una disposizione legislativa; è questo il caso della cosiddetta "esternalizzazione". Tale fenomeno ha un fortissimo impatto sociale, maggiore di quello già elevato del trasferimento di azienda tout court, vis che non poteva certo passare inosservata agli occhi degli operatori del diritto, visto che tale fattispecie è ai confini della disciplina della legge n. 1369 del 1960. Come sovente accade sono proprio la dottrina e la giurisprudenza a stimolare l'attenzione, favorendo così la nascita dei presupposti per l'intervento del legislatore. Purtroppo grazie alla ricchezza scientifica e alla differente prospettiva dello studio, la barbarie di alcuni scellerati ha testimoniato quanto sia delicata la materia, ma il pensiero di coloro che ci sono stati strappati inutilmente ha maggior vigore, restando anche raccolto nella tesi di laurea di chi ama un futuro basato su un pacifico confronto scientifico e culturale.
La cessione dell'azienda spiega i propri effetti sui lavoratori coinvolti, non solo sotto il profilo strettamente "lavoristico", ma anche sotto il punto di vista proprio del diritto previdenziale. Anche in questo campo la funzione del sindacato torna ad essere rilevante, così come anche la normativa comunitaria spiega i propri effetti.
Il penultimo aspetto affrontato riguarda l'angolazione propria del diritto fallimentare, essendo infatti dedicato a dare un rapido cenno sul concetto di crisi aziendale e sul trasferimento di un'azienda in crisi. E' un settore altamente delicato, che implica scelte di politica legislativa davvero ardue.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 - Il trasferimento di azienda - Introduzione Ogni scelta che durante la vita si compie è sostenuta da più di una motivazione e questo a maggior ragione lo è per una scelta ardua e decisiva per chi, come noi, si accinge a valutare il mondo con l’animus del giurista. La tesi di laurea costituisce una prova decisamente totalizzante, nel senso che assorbe tutta la sfera personale di chi si misura con essa, e scegliere un settore del diritto in cui svolgere analisi e ricerche, non è semplice. Durante gli anni all’università, trascorsi peraltro davvero rapidamente, seguendo le lezioni, abbiamo imparato ad apprezzare ogni branca del sapere giuridico, incontrando anche settori nei quali l’apprendimento non era sorretto da grande passione o da un interesse particolare, il che ci ha comunque permesso di incrementare il nostro grado di sapere, oltreché, ovviamente, ci ha permesso di apprezzare di più gli istituti maggiormente compatibili con la nostra personalità. Va da sé che non tutto può essere oggetto di dissertazione e pertanto si è imposta una scelta; quel settore piuttosto che l’altro ci attira, ma quest’altro è più attuale e stimolante, mi è risultato più facile conoscere e capire i meccanismi di quella parte del diritto…, perché negarselo? Quel professore mi ha fatto apprezzare una materia che non mi va’ tanto a genio, che, però, concretamente non mi dà soddisfazione. Queste le considerazioni prima della scelta esclusiva, elucubrazioni che una volta compiutala ci possono far sentire un po’ in colpa perché abbiamo appunto scelto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto del lavoro
trasferimento d'azienda
cessione d'azienda
articolo 2112 del codice civile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi