Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione delle banche al capitale industriale

La tesi si sviluppa in tre parti. La prima esamina la legislazione preesistente all'entrata in vigore del nuovo testo unico della legge bancaria e cosa è previsto dalle direttive CEE; la seconda parte esamina a fondo la nuova regolamentazione delle partecipazioni delle banche al capitale di imprese industriali ed infine, nella terza parte si esamina come la materia sia regolamentata negli altri principali paesi industrializzati, in special modo quelli della comunità europea.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il problema della partecipazione delle banche nelle industrie e più in generale della separatezza tra i due comparti, va inquadrato tenendo presente l'evoluzione che la legislazione sul tema ha subito, in particolare facendo riferimento al recente Testo Unico che ha sostituito la legge bancaria del 1936. L'ordinamento del credito, instaurato in seguito alla crisi degli anni 1930, permeato di principi e valori pubblicisti e affidato, per la sua attuazione, ad organi di provata competenza tecnica, ha garantito in linea generale periodi di stabilità e il progresso economico conseguente. Nel quadro di un regime rigoroso di separazione tra banca e industria e di specializzazione funzionale dell’attività creditizia, qual è quello che si è configurato grazie all'orientamento degli

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Scarpellino Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2407 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.