Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La compravendita in Internet

Questa tesi di laurea disamina, in primo luogo, il funzionamento tecnico di Internet di cui ho realizzato una breve cronistoria. Non è possibile infatti affrontare un argomento di questo tipo senza averne dato almeno una sommaria descrizione circa gli aspetti tecnici e storici.
Ciò premesso ho cercato di individuare le problematiche giuridiche del commercio elettronico.
Partendo da una descrizione dell’istituto compravendita presente nel codice civile, ho poi esposto l’evoluzione della legislazione che, partendo dai primi anni ’90 con la disciplina delle vendite fuori dai locali commerciali, è approdata alla direttiva 2000/31/CE la quale tratta nello specifico del commercio elettronico.
Ho affrontato una ad una le problematiche del commercio businnes to consumer: conclusione del contratto e firma digitale, luogo di conclusione, documento elettronico e forma, foro competente, tutela del consumatore telematico...
In estrema sintesi le conclusioni cui sono pervenuto sono che la compravendita in Internet rappresenta una della forme speciali di vendita; il legislatore infatti si è preoccupato di garantire al navigante una serie di garanzie ulteriori, rispetto a quelle che ha il normale consumatore, proprio perché il navigante potrebbe incontrare delle insidie maggiori o essere tratto in inganno con maggiore facilità.
La disciplina del codice civile si affianca a quella dettata dal legislatore comunitario, il commercio elettronico non ha una disciplina sua ad hoc, alle dinamiche della compravendita in Internet si applica la stessa disciplina del contratto di vendita con la differenza che vi sono degli strumenti di tutela, come il diritto di recesso, studiati appositamente per queste tipologie di vendita.
Restano delle problematiche irrisolte, come l’equiparazione di un sito Internet ad un negozio tradizionale e altre questioni controverse in dottrina.
Sarà compito del legislatore fare chiarezza e dissipare i dubbi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa La diffusione di Internet è sotto gli occhi di tutti, il computer sta diventando un elettrodomestico di uso comune. La sua espansione è destinata a crescere, anche le direttive politiche puntano alla informatizzazione, non solo della pubblica amministrazione, ma della stessa vita dei cittadini. Il personal computer si presta ad una molteplicità di utilizzi: videoscrittura, svago, programmi di ogni tipo, navigazione in Internet, ecc. Ad oggi la maggior parte dei personal computer sono collegati alla rete, molte volte lo stesso acquisto è finalizzato a questo utilizzo. A mio parere le cause di questa diffusione massiccia, che le cifre dicono sia destinata ad aumentare, è sostanzialmente imputabile a due fattori: da qualche anno è stata abbattuta una barriera che impediva questa diffusione, la compagnia telefonica Infostrada ha per prima offerto un accesso gratuito alla rete (in precedenza era necessario pagare un canone periodico), ne è seguita una sfida a

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Furin Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4272 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.