Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metaweb: Motore di ricerca e navigazione ''semantica'' nel meta-universo delle descrizioni delle risorse - Definizione del modello formale e implementazione di un prototipo in Java e XML

Il presente lavoro è orientato allo sviluppo di un sistema di navigazione “semantica” all’interno del “meta-universo” costituito da descrittori di risorse.
Il lavoro si articola in tre fasi. Nei primi due capitoli, in maniera discorsiva e argomentativa, si cerca di mostrare l’importanza di descrivere risorse in maniera standard e strutturata per poter raggiungere obiettivi di espressività e visibilità. Si cerca anche di capire le ragioni per le quali questi obiettivi sono di grande importanza nell’attuale panorama informatico. Partendo dall’analisi delle risorse digitali si cerca di individuare le caratteristiche più importanti per la loro gestione. In particolare si considerano le caratteristiche di precisione, compattezza, fruibilità, persistenza e uniformità, tentando di capire quali di questi aspetti stanno diventando preponderanti nell’“attuale mondo informatico”. Si pone poi l’attenzione sui contesti, visti come contenitori logici di risorse, e su come fare per poter ottimizzare la visibilità delle singole risorse all’interno dei suddetti contesti, soprattutto attraverso la possibilità di navigare al loro interno secondo criteri di “vicinanza semantica”.
Nel terzo capitolo viene fornito qualche esempio di tecnologie e standard presenti nel panorama informatico mondiale a proposito degli argomenti trattati nella prima parte per cercare di compenetrare l’attuale Stato dell’Arte, ma soprattutto per cercarne spunti e limiti che possano aiutare nello sviluppo di un tool originale. In particolare vengono presentate ed analizzate le tecnologie RDF e RSS e lo standard Dublin Core, con brevi riferimenti ad altre realtà.
Nel quarto capitolo si descrive il Metaweb, e cioè il tool costruito sulla base delle indicazioni dei precedenti capitoli. Si descrivono le scelte effettuate e la “filosofia” seguita nello sviluppo tecnologico. In particolare verranno presentate delle tipologie di documenti XML su cui si improntano le descrizioni delle risorse e su cui si basa un motore di ricerca, sviluppato in Java, che partendo da una query è in grado di trovare, all’interno di un contesto, i descrittori più semanticamente vicini alla query data.
L’originalità e i punti di forza del progetto Metaweb stanno nella costruzione di un sistema di descrizione di risorse che, soprattutto grazie alla definizione arbitraria di viewpoint da parte del gestore del sistema, è improntato alla massima flessibilità (e non legato a vincoli come succede ad esempio in RSS) che garantisce una grande espressività pur mantenendo una rigida struttura (non troppo “libera” come succede ad esempio in RDF). Questa strutturazione permette al motore di ricerca di penetrare all’interno dei descriptor e analizzarne e confrontarne i contenuti (rispetto ad un descrittore campione che costituisce la query) attraverso apposite “funzioni distanza” (che svolgono il duplice ruolo di valutare l’ammissibilità di un descrittore tra i risultati della ricerca e la distanza di questo rispetto alla query). Si avrà quindi la possibilità di navigare nel meta-universo delle risorse con criteri semantici.
Il tool descritto è un prototipo minimale realizzato (tramite le tecnologie Java, Java Servlet, JSP, XML e HTML) con l’obiettivo di sperimentare, raffinare e validare le caratteristiche del modello Metaweb.
Il prototipo è stato sviluppato dal sottoscritto all’interno di una esperienza di collaborazione con l’azienda Explo-IT Research di Antonio Capani (http://www.Explo-IT.com), e costituisce lo “zoccolo duro” di un più ampio progetto che verrà mantenuto e valorizzato dall’azienda stessa.
Ad esempio, al momento in cui viene scritta questa tesi, è in fase di sviluppo un progetto per la gestione di questionari su web (il questionario è implementato da un descrittore e il motore di ricerca e opportuni strumenti statistici consentono di valutare un contesto di questionari compilati).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il presente lavoro è orientato allo sviluppo di un sistema di navigazione “semantica” all’interno del “meta-universo” costituito da descrittori di risorse. Il lavoro si articola in tre fasi. Nei primi due capitoli, in maniera discorsiva e argomentativa, si cerca di mostrare l’importanza di descrivere risorse in maniera standard e strutturata per poter raggiungere obiettivi di espressività e visibilità. Si cerca anche di capire le ragioni per le quali questi obiettivi sono di grande importanza nell’attuale panorama informatico. Partendo dall’analisi delle risorse digitali si cerca di individuare le caratteristiche più importanti per la loro gestione. In particolare si considerano le caratteristiche di precisione, compattezza, fruibilità, persistenza e uniformità, tentando di capire quali di questi aspetti stanno diventando preponderanti nell’“attuale mondo informatico”. Si pone poi l’attenzione sui contesti, visti come contenitori logici di risorse, e su come fare per poter ottimizzare la visibilità delle singole risorse all’interno dei suddetti contesti, soprattutto attraverso la possibilità di navigare al loro interno secondo criteri di “vicinanza semantica”. Nel terzo capitolo viene fornito qualche esempio di tecnologie e standard presenti nel panorama informatico mondiale a proposito degli argomenti trattati nella prima parte per cercare di compenetrare l’attuale Stato dell’Arte, ma soprattutto per cercarne spunti e limiti che possano aiutare nello sviluppo di un tool originale. In particolare vengono presentate ed analizzate le tecnologie RDF e RSS e lo standard Dublin Core, con brevi riferimenti ad altre realtà. Nel quarto capitolo si descrive il Metaweb, e cioè il tool costruito sulla base delle indicazioni dei precedenti capitoli. Si descrivono le scelte effettuate e la “filosofia” seguita nello sviluppo tecnologico. In particolare verranno presentate delle tipologie di documenti XML su cui si improntano le descrizioni delle risorse e su cui si basa un motore di ricerca, sviluppato in Java, che partendo da una query è in grado di trovare, all’interno di un contesto, i descrittori più semanticamente vicini alla query data.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Francesco Robbiano Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1950 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.