Skip to content

Miles of rambling stones. L'immaginario spaziale nella trilogia di Gormenghast

Informazioni tesi

  Autore: Fiorella Nilenia Pezzotta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Carlo Pagetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

Questa tesi verte sul tema dell’immaginario spaziale nella trilogia di Gormenghast, opera di Mervyn Peake. L’autore, inglese nato nel 1911 a Kuling, in Cina, da genitori missionari, si dedicò alla stesura delle tre opere che costituiscono le Gormenghast Novels dalla metà degli anni quaranta alla fine degli anni cinquanta. Precisamente, Titus Groan, il primo romanzo, è datato 1946, seguono, nel 1950 Gormenghast e nel 1959 Titus Alone.
Nel corso della trilogia di Peake sono riscontrabili evoluzioni riguardanti il tema dello spazio. Il castello che fa da sfondo alle azioni dei personaggi assume, infatti, delle sfumature di significato nei diversi momenti della narrazione. Se, ad un primo livello, l’edificio è da considerarsi nella sua massiccia fisicità, in un secondo momento emergono i valori e i significati celati dalle sue mura. Simbolicamente, Gormenghast rappresenta la staticità e l’eternità della dinastia dei Groan, di cui Titus, il protagonista, fa parte. I rituali del castello assumono, in tale cornice, una valenza a-storica e a-temporale: questo mondo si presenta all’apparenza inattaccabile, in quanto concepito come l’unica dimensione possibile.
L’evoluzione della narrazione si basa innanzitutto sulla contestazione dei valori, del potere e, in Titus Alone, anche dell’unicità di Gormenghast. I personaggi di Steerpike e Titus rappresentano elementi di disturbo esterni ed interni rispetto alla stirpe dei Groan. Il primo, il kitchen boy, compie una vera e propria scalata per impossessarsi del potere detenuto dal Conte fingendo di aderire e rispettare le sue leggi. Il secondo, futuro Conte Groan, contesta i valori della propria famiglia ribellandosi e distaccandosi da essa.
E’ necessario oltretutto sottolineare che il castello prende parte attivamente alle vicende che avvengono al suo interno. Esso, assieme al paesaggio che lo circonda, rispecchia o contrasta nettamente con il clima della narrazione. Oltre a ciò, i singoli individui trovano come massima espressione del proprio io le stanze dove abitano. Ad esempio, Swelter, il diabolico capocuoco, sembra trovarsi a proprio agio nel soffocante Inferno delle cucine. La contessina Fuchsia, invece, si realizza instaurando un rapporto di amore e dipendenza nei confronti dei mobili e degli oggetti che popolano il suo attico. Un altro esempio significativo è quello di Sepulchrave, Conte di Gormenghast, che impazzisce una volta che la biblioteca viene rasa al suolo da un incendio, opera di Steerpike.
Titus Alone compie un passo in avanti rispetto a Titus Groan e Gormenghast. Titus, adolescente, lascia Gormenghast per andare alla scoperta del mondo. La madre lo avverte, però, che tale impresa si rivelerà vana: “there is nowhere else…you will only tread a circle”. Tale affermazione troverà conferma, ma il giovane dovrà scontrarsi con delle realtà molto diverse dalla propria. La città di Titus Alone, con i suoi palazzi moderni, il ghetto dell’Under River e lo zoo di Muzzlehatch non ha nulla a che vedere con le “miles of rambling stones” di Gormenghast. Tale esperienza sarà decisiva per la formazione dell’identità di Titus, il quale sceglierà di lasciare il nuovo mondo per tornare un’ultima volta a Gormenghast. Lì avverrà una presa di coscienza finale da parte del ragazzo, ormai pronto a staccarsi dal luogo di provenienza pur continuando a portarlo nel cuore.
Nella sua articolazione questa tesi intende dimostrare le differenti manifestazioni metaforiche del castello di Gormenghast e il continuo interscambio di quest’ultimo con la psiche e le azioni dei personaggi.
Oltre a ciò, è importante sottolineare il ruolo di Gormenghast come punto di riferimento spirituale anziché geografico per la formazione dell’identità di Titus Groan. Egli parte infatti da una dimensione considerata unica per poi scoprire i molteplici aspetti della realtà affrontandola da diversi punti di vista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 0.1 NEL CASTELLO DI GORMENGHAST Gormenghast, that is, the main massing of the original stone, taken by itself would have displayed a certain ponderous architectural quality were it possible to have ignored the circumfusion of those mean dwellings that swarmed like an epidemic around its outer walls. 1 Con questa frase si apre il primo dei tre romanzi della cosiddetta trilogia di Gormenghast, l’opera più conosciuta di Mervyn Peake. Questo scrittore di nazionalità inglese nacque nel 1911 a Kuling, in Cina, dove il padre missionario si era trasferito per lavoro. Egli frequentò la Tientsin Grammar School e, quando la sua famiglia ritornò in Inghilterra, fu iscritto all’Eltham College nel Kent. Successivamente Peake continuò i suoi studi presso la Croydon School of Art e, dal 1929 al 1933, alla Royal Academy School. Per la maggior parte della sua vita Mervyn Peake esercitò le arti di pittore, illustratore, scrittore di pezzi poetici e teatrali, ma la sua reputazione letteraria si basa principalmente sui tre romanzi dedicati a Titus Groan. La prima delle tre opere che formano la trilogia è Titus Groan (1946), seguono Gormenghast (1950) e Titus Alone (1959). 2 Il primo interrogativo che l’opera solleva riguarda l’identità del protagonista della trilogia di Peake. In prima analisi si potrebbe pensare a Titus Groan, erede al trono di Gormenghast, 1 M. Peake, The Gormenghast Novels. Titus Groan, Gormenghast, Titus Alone, New York, The Overlook Press, 1995, p. 9. “Gormenghast, ossia il principale agglomerato della pietra originale, preso singolarmente avrebbe mostrato una massiccia qualità architettonica dove fosse stato possibile ignorare quel nugolo di umili abitazioni che pullulavano come un’epidemia nelle sue mura esterne”. Le traduzioni delle citazioni dall’opera di Peake sono opera dell’autrice di questa tesi. 2 Si legga la recentissima biografia di G.P. Winnington, Vast Alchemies: the Life and Work of Mervyn Peake, London, Peter Owen Publishers, 2000.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura inglese
letteratura fantastica
letteratura contemporanea
mervyn peake
letteratura fantasy
trilogia di gormenghast

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi