Skip to content

Biodiversità e biogeografia dei molluschi marini italiani: modelli di analisi a fini conservazionistici

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Bassignani
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Biologia Animale
Anno: 2001
Docente/Relatore: Daniele Bedulli
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
Dipartimento: Dip. di Biologia Evoluz. e Sperim.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

La biologia della conservazione è una “disciplina di crisi” nata per contrastare la “sesta estinzione di massa” della storia terrestre. Per una effettiva comprensione degli obbiettivi della biologia della conservazione viene svolta una breve analisi dei concetti di biodiversità, conservazione e protezione. La maggior parte delle specie descritte è concentrata nelle foreste tropicali. In questi biomi, le attività umane determinano un tasso di estinzione stimato dello 0,4-1,2% annuo (20-30.000 specie/anno). I finanziamenti e le altre risorse destinati alla protezione della biodiversità sono insufficienti a contrastare questo fenomeno, quindi, è indispensabile predisporre delle strategie per ottimizzare le ricerche e gli interventi. A questo scopo è particolarmente importante la strategia delle “hotspots” che consiste nell’individuazione e nella protezione di zone di particolare interesse ecologico. Esistono vari tipi di hotspots che considerano: la ricchezza specifica assoluta, la ricchezza di specie endemiche o la ricchezza di taxa filogeneticamente peculiari. In tutti i casi citati, l’obbiettivo è la definizione di zone a massima ricchezza specifica. Il problema di come individuare le hotspots e della irregolare distribuzione della ricchezza specifica viene esaminato considerando uno studio ad ampio raggio sulla malacofauna marina italiana. Tale studio evidenzia il noto problema della correlazione tra ricchezza specifica e sforzo di campionamento, e propone dei metodi per evitare che questa correlazione renda inattendibili i risultati. A partire da questa ricerca viene svolta una analisi critica dei vantaggi e degli svantaggi degli interventi conservazionistici incentrati sulla strategia delle hotspots. In questo ambito è rilevato un problema fondamentale: limitarsi a proteggere le aree più ricche di specie si concilia difficilmente con la conservazione della maggior parte delle specie “critiche”. Queste ultime sono identificate in base al loro enorme impatto sui processi di comunità e/o sull’ecologia delle popolazioni umane. A livello operativo, una specie critica si identifica in due modi: 1) quando al suo riguardo è documentato almeno uno dei seguenti effetti: “keystone”, “umbrella”, “flagship” e “indicatore”; 2) quando è di rilevante e documentata importanza economica. Programmi di conservazione effettivamente mirati alla protezione di molte specie di questa particolare categoria sono attualmente operativi. E’ tuttavia necessario che tali programmi siano potenziati ed estesi a tutte le specie critiche (le quali sono una piccolissima proporzione del totale delle specie descritte). La combinazione tra questi programmi specificamente mirati e strategia delle hotspots permette di ottimizzare in modo effettivo le iniziative di protezione della biodiversità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 1 - CONSERVATION BIOLOGY Biologia della conservazione o protezione della biodiversità? Definizione La conservation biology è “lo studio e la protezione della biodiversità”. Essa rappresenta “la risposta della comunità scientifica alla crisi della biodiversità”. La parola “crisi” è riferita alla attuale fase di estinzione di massa, “la peggiore dalla scomparsa dei dinosauri circa 65 milioni di anni fa” (Meffe & Carroll 1997b). Un problema di traduzione Nelle discipline biologiche il termine inglese “conservation” descrive il mantenimento dei processi evolutivi, cioè, il rimuovere gli ostacoli ai cambiamenti che rientrano nella dinamica degli ecosistemi (Meffe & Carroll 1997b). Il termine “conservation” è utilizzato in contrapposizione a “preservation” che è il semplice mantenimento dello status quo. L’uso di questa terminologia ha lo scopo di separare i conservation biologists dagli ambientalisti preservazionisti e dagli animalisti (Meffe & Carrol 1997b; Templeton 1997d). Attualmente sembra affermarsi la traduzione di “conservation biology” in “biologia della conservazione”. Poiché in italiano, l’uso comune della parola conservazione implica spesso un significato di “rimanere alla condizione originaria”, questa possibile traduzione rischia di essere interpretata in antitesi al significato corretto ed originario. Da un punto di vista operativo, mantenere i complessi (ed in parte ancora ignoti) processi evolutivi significa proteggere la biodiversità o, se si vuole semplificare ulteriormente, contrastare attivamente le estinzioni. Per questo, una corretta traduzione di conservation biology potrebbe essere “protezione della biodiversità”. In mancanza di una traduzione accademica chiaramente affermata in questa sede si utilizzeranno indifferentemente le due traduzioni “biologia della conservazione” e “protezione della biodiversità”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biodiversità
biogeografia
macroecologia
malacofauna
biologia animale
protezione della biodiversità
biologia della conservazione
molluschi marini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi