Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distribuzione dei vettori di Leishmaniosi canina in provincia di Alessandria

La Leishmaniosi è una zoonosi protozoaria causata da varie specie del genere Leishmania, trasmessa da insetti chiamati Flebotomi.

Mostra/Nascondi contenuto.
41. INTRODUZIONE La Leishmaniosi è una zoonosi protozoaria causata da varie specie del genere Leishmania. Nel cane oltre alla malattia manifesta , si conoscono forme pausci-sintomatiche o asintomatiche. Queste individuate grazie a test diagnostici di buona affidabilità. In Italia sono presenti tre principali forme di Leishmaniosi: quella sistemica nel cane, quelle viscerale e cutanea nell’uomo. Nel nostro paese, la Leishmaniosi è endemica in aree costiere e interne a clima mediterraneo. Recentemente il numero di casi di Leishmaniosi umana è aumentato nei focolai del versante tirrenico dell’Italia continentale e nelle isole maggiori (Sicilia e Sardegna). Su queste basi, appare sorprendente la segnalazione di focolai di Leishmaniosi canina in due regioni, Veneto e Piemonte, il cui clima non può certo definirsi di tipo mediterraneo. Scopo di questa tesi è stato lo studio della diffusione dei flebotomi nella provincia di Alessandria (Piemonte), per poter meglio comprendre l’ecologia del vettore in un’area geografica che in passato si riteneva “sicura” per quanto riguarda le possibilità dell’instaurarsi di cicli endemici. L’indagine è stata condotta mediante cattura di flebotomi con trappole oleate in due focolai di Leishmanosi canina recentemente individuati nella provincia di Alessandria (cd.focolaio di Acqui Terme e focolaio di Casale Monferrato).

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Habil Makar Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2045 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.