Skip to content

Evoluzione dell'attività bancaria e riflessi sulla struttura e organizzazione dei canali distributivi

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Scibetta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria
  Relatore: Giulio Minolfi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 235

La tesi in oggetto ha riguardato, principalmente, l'evoluzione dell'attività bancaria, vista nei suoi aspetti fondamentali, e i riflessi che tale processo evolutivo ha avuto sulla struttura e organizzazione dei canali distributivi.
Tra le linee strategiche fondamentali che le banche devono attuare nello svolgimento della loro operatività rivestono un ruolo rilevante le politiche connesse alla raccolta e all’impiego delle risorse finanziarie, che nonostante l’ampliamento della gamma di attività che possono essere svolte, rappresentano ancora il cuore dell’attività bancaria e quindi l’attività preponderante da esse svolte.
Le banche sono state spesso definite “il volano della crescita economica”, ma affinché questa e possono svolgere queste funzioni deve cercare di allocare il risparmio nella maniera più produttiva possibile. Solo se le risorse sono destinati ad investimenti produttivi è possibile creare occupazione, accrescere i redditi ed aumentare i consumi, e quindi innescare la crescita economica.
Riguardo, invece, l’altro aspetto delle politiche di impiego delle banche, e cioè l’attività in titoli si è sottolineato come essa rappresenti l’ambito operativo più innovativo degli ultimi anni. Infatti, mentre prima della nuova disciplina tale ambito di operatività era quasi del tutto precluso alle banche è riservato a soggetti specializzati, oggi, queste possono operare a tutto campo senza alcuna limitazione di sorta e senza alcun vincolo legislativo rispetto agli altri intermediari.
Quindi, il processo evolutivo che ha interessato le banche, specie per quanto riguarda l'aspetto operativo, ha avuto notevoli riflessi sulla struttura distributiva, per mezzo della quale si collocano i prodotti/servizi.
Le ultime tendenze in atto confermano come le banche tendono ad ampliare l’offerta di prodotti/servizi tramite canali distributivi più innovativi che consentono di raggiungere il cliente al suo domicilio o in qualunque altro posto si trovi.
Nel corso della trattazione, si è evidenziato, soprattutto, i vantaggi e gli svantaggi derivanti dall’adozione di queste forme di contatto a distanza (remote banking) tra banca e cliente, e i benefici in termini di economicità che ne derivano per entrambi.
Tra le forme di remote banking, si è preso in considerazione l’home banking tradizionale, che sfrutta reti private o in prevalenza pubbliche (Videotel) per creare il rapporto banca cliente via cavo; si è visto, pure, come tale sistema di interfaccia sia entrato in disuso e come sia stato sostituito con forme più innovative.
Come ulteriore canale si è esaminato l’Internet banking che stato definito come canale innovativo. Quest’ultimo non rappresenta nient’altro che l’evoluzione del canale di home banking tradizionale, forse, sarebbe stato più opportuno definirlo Internet Home Banking.
A corollario della disamina sulla struttura organizzativa dei canali distributivi bancari, si è analizzato il fenomeno della cosiddetta banca virtuale definendola il “contenitore concettuale" che racchiude tutti i canali distributivi definiti di "remote banking", e quindi alternativi al classico sportello. Si è cercato soprattutto, oltre ad analizzare le diverse tipologie che può assumere la banca virtuale, di mettere in evidenza i benefici e gli oneri ad essa connessi. L’operatività della banca virtuale appare molto più limitata rispetto a quella di una banca tradizionale che adotta una strategia multicanale. La prima appare più come una struttura adatta a distribuire prodotti e servizi più che a produrre al suo interno gli stessi, difficilmente, anche in un futuro non prossimo, esse riusciranno a sostituire completamente le banche tradizionali.
L’adozione delle soluzioni virtuali deve avvenire gradualmente e mai in maniera drastica.
La soluzione migliore per le banche italiane sembrerebbe quella di procedere ad una forte integrazione tra canali nuovi e canali tradizionali: l’offerta di prodotti/servizi dovrebbe avvenire sia con i canali tradizionali sia con quelli più innovativi (Internet, telefono, PC, etc.) in un rapporto di complementarietà e non di antiteticità, senza correre il rischio di sovrapposizioni fra l’offerta di canali diversi. In questo modo si potrà offrire alla clientela la possibilità di scegliere tra canali alternativi in base alle diverse esigenze e al grado di preparazione culturale.
Quindi la soluzione migliore da adottare sarebbe quella della strategia multicanale, adoperando una forte integrazione e ristrutturazione della rete distributiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Evoluzione dell'attività bancaria e riflessi sulla struttura e organizzazione dei canali distributivi La tesi in oggetto ha riguardato, principalmente, l'evoluzione dell'attività bancaria, vista nei suoi aspetti fondamentali, e i riflessi che tale processo evolutivo ha avuto sulla struttura e organizzazione dei canali distributivi. In primo luogo, si è cercato di evidenziare, seppur a grandi linee, le tappe fondamentali del processo legislativo che hanno portato all’odierna nozione di attività bancaria. Si è posto in rilievo come in passato l’attività bancaria veniva, da più parti identificata, esclusivamente nell'“attività di raccolta del risparmio tra il pubblico e l’esercizio del credito”. Una simile nozione non esaltava altro che la funzione svolta dalle banche come intermediatrice del credito, tra soggetti in surplus di capitali e quelli in deficit. Con l’avvento delle direttive comunitarie è mutata la visione dell’attività bancaria, non più ristretta in vetusti vincoli normativi, ma aperta a qualsiasi innovazione finanziaria.La nozione data dal T.U. del 1993, risalta sempre la funzione tipica delle banche, e cioè la raccolta del risparmio e l’esercizio del credito, ma non chiude le porte alla possibilità di poter svolgere altre attività. Oggi, infatti, le banche possono svolgere tutte le altre attività finanziarie previste dalla normativa del T.U.B. Tale possibilità consente oggi alle aziende di credito di seguire il proprio cliente dalla “culla alla bara”, potendo offrire tutti i servizi possibili in base alle diverse esigenze. Al mutare della gamma di prodotti e servizi offerti, le banche hanno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

canali distributivi bancari
internet
banche
servizi bancari
economia delle aziende di credito
banca virtuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi