Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'importanza della ''New Form" nella narrativa di Jean Rhys

Prendendo le mosse dalle teorie jamesiane sull'arte di scrivere un romanzo e passando attraverso l'opera di uno dei più autorevoli esponenti del Modernismo, Ford Madox Ford, si perviene alla produzione letteraria di Jean Rhys, scrittrice anglo-caraibica del Novecento, decisamente una delle voci più interessanti della letteratura inglese contemporanea. Le protagoniste dei suoi romanzi sono tutte accomunate da un bell'aspetto ma un'esistenza grama. Numerosi sono gli spunti autobiografici, in particolare nell'opera d'esordio, ''Quartet''. Assai interessante il romanzo della maturità, ''Wide Sargasso Sea'' nel quale Rhys, recuperando le proprie origini caraibiche, restituisce umana dignità alla moglie pazza di Lord Rochester, personaggio femminile secondario di un celebre romanzo di Charlotte Bronte, ''Jane Eyre''.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La sregolata e nomade esistenza di Jean Rhys (Roseau, Dominica,1894 - Devon, Inghilterra,1979), i suoi momenti di confronto con le realtà letterarie più significative a lei contemporanee, seguiti da una lunga fase di oblio e di vero e proprio occultamento dalla vita pubblica, ora ricostruita attraverso il suo epistolario, offrono a studiosi e critici, ampia materia di trattazione. 1 Alcuni hanno appuntato il loro interesse sull'universo solipsistico e tormentato della donna "perduta" che si sposta, disordinatamente, da un luogo ad un altro, alla ricerca di uno stato di quiete e appagamento che la vita non le ha concesso. Altri hanno focalizzato l'attenzione sul cosiddetto "cóté" coloniale che domina l'ultimo romanzo, Wide Sargasso Sea, 2 ma che è già presente, fin dagli esordi della Rhys, come corrente sotterranea che fluisce parallelamente alle vicende "europee" delle protagoniste. Infine, a partire dagli anni Sessanta, alcune esponenti della critica femminista hanno ampiamente rivalutato la produzione rhyssiana, intesa come illustrazione della parabola discendente della donna, vittima dello sfruttamento maschile, pur non trovando la Rhys pienamente d'accordo circa questa interpretazione: Asked during a radio interview whether she had come to hate men, Jean Rhys replied in a shocked voice "Oh no!" The interviewer said this surprised him because most of the unhappiness in her life must have come from men.Jean answered that perhaps the reason was that the sad parts of her life had been written out. 3 Nella mia analisi io ho privilegiato, particolarmente nei primi due capitoli, l'aspetto teorico sotteso all'elaborazione dei romanzi rhyssiani e per far questo ritengo ineludibile punto di partenza un rapido "excursus" attraverso le impostazioni teoriche più significative sull'arte del romanzo: dalle fondamentali teorizzazioni del Maestro, Henry James, alle opere di Joseph Conrad e Ford Madox Ford e agli influssi che su questi 1 JEAN RHYS, Letters 1931-1966, ed. by FrancisWyndham and Diana Melly, London, André Deutsch,1984. 2 JEAN RHYS, Wide Sargasso Sea, London, André Deutsch, 1966. 3 DIANA ATHILL, "Preface" a JEAN RHYS, Smile Please, an Unfinished Autobiography, London, André Deutsch, 1979, p. 6: "Nel corso di un'intervista radiofonica, a chi le aveva chiesto se era arrivata ad odiare gli uomini, Jean Rhys rispose in tono scandalizzato "Oh no!". L'intervistatore si disse sorpreso poiché gran parte dell'infelicità nella sua vita le era stata causata dagli uomini. Jean rispose che, forse, il motivo era che lei aveva trasferito nella scrittura le parti tristi della sua vita".

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elena Zaccheroni Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2927 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.