Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La deodorizzazione dell'aria in impianti di trattamento dei reflui urbani: il caso del nuovo impianto di Sturla a Genova

Questo lavoro descrive una esperienza di “start-up” di un impianto di trattamento per reflui urbani sito nel Comune di Genova, nella zona di Sturla, le cui problematiche sono state seguite per cinque mesi (collaborazione con A.M.G.A. di Genova), ed in particolare quelle relative all’impianto di ventilazione e deodorizzazione.
L’impianto è descritto nel suo complesso. Sono state studiate la sua progettazione, le specifiche di progetto e le logiche di funzionamento dei vari comparti. Sono state redatte checklists e schede tecniche per ogni “item” ( ossia macchina o attrezzatura) e sono stati annotati tutti i problemi che via via sono sorti.
Inoltre la particolarità di questo impianto è di essere stato progettato e costruito per sorgere nell’immediata vicinanza di edifici civili residenziali, e di essere completamente coperto da una struttura in cemento armato. E’ stato quindi in particolare analizzato il sistema di ventilazione e deodorizzazione dell’aria, operata per mezzo di scrubbers orizzontali multistadio con generatore d’ozono. Una parte della trattazione riguarda inoltre il confronto tra le diverse tecniche di controllo delle emissioni odorose, tra le possibili scelte progettuali, e tra i possibili trattamenti chimici o fisici da utilizzare.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Introduzione Questo lavoro descrive una esperienza di “start-up” di un impianto di trattamento per reflui urbani sito nel Comune di Genova, nella zona di Sturla, le cui problematiche sono state seguite per cinque mesi, ed in particolare quelle relative all’impianto di ventilazione e deodorizzazione. L’impianto è descritto nel suo complesso. Sono state studiate la sua progettazione, le specifiche di progetto e le logiche di funzionamento dei vari comparti. Sono state redatte checklists e schede tecniche per ogni “item” ( ossia macchina o attrezzatura) e sono stati annotati tutti i problemi che via via sono sorti. Inoltre la particolarità di questo impianto è di essere stato progettato e costruito per sorgere nell’immediata vicinanza di edifici civili residenziali, e di essere completamente coperto da una struttura in cemento armato. E’ stato quindi in particolare analizzato il sistema di ventilazione e deodorizzazione dell’aria, operata per mezzo di scrubbers orizzontali multistadio con generatore d’ozono. 1.1 Premesse e normative: Impianti di depurazione di Genova La città di Genova è stata la prima in Italia a dotarsi di strutture per la depurazione delle acque reflue, in un periodo antecedente all’entrata in vigore della legge 319/76 (Legge Merli). Sull’arco costiero della città di Genova esistono a tutt’oggi sei impianti di depurazione ed altri due saranno attivati in un prossimo futuro. A partire dall’Agosto 1995 l’Azienda Mediterranea Gas e Acqua (AMGA) gestisce tutti gli impianti di depurazione per il trattamento dei reflui civili situati nel Comune di Genova e di proprietà dello stesso.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Mattia Balconi Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4010 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.