Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto strutturale e funzionale di anticorpi ingegnerizzati scFvαHER-2

Nel corso degli ultimi anni l’incidenza dei tumori al seno, utero e ovaio è andata aumentando e la scienza ha fatto notevoli progressi per quanto riguarda la diagnosi, la prevenzione e la cura di tali malattie. La chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia sono tecniche che nella maggior parte dei casi danno buoni risultati, eliminando completamente il tumore, ma sono comunque invasive (come nel caso della chirurgia) e causano rilevanti effetti collaterali (come nel caso della chemioterapia e della radioterapia).
Allo scopo di intervenire in maniera più “mirata” contro i tumori e di evitare gli effetti negativi delle tecniche terapeutiche prima accennate, negli ultimi anni sono stati progettati anticorpi ingegnerizzati (umanizzati e chimerici) che possono essere sviluppati ed applicati nella terapia dei tumori.
Tra gli anticorpi ingegnerizzati, che potrebbero essere utili in terapia, sono da ricordare anche gli anticorpi a singola catena (scFv, single chain Fv), derivanti da anticorpi monoclonali, che presentano i seguenti requisiti fondamentali:
- piccola taglia, che li rende più diffusibili e maggiormente penetrabili nei tessuti;
- assenza del frammento Fc, che normalmente aumenta l’immunogenicità di un anticorpo;
- tempi di clearance plasmatica e tissutale (cioè il tempo necessario affinché un certo volume sia “ripulito” da una certa sostanza) molto ridotti.
Scopo di questo lavoro è stato indagare e confrontare due anticorpi ingegnerizzati scFv (scFv100A4 e scFv800E6) derivanti da due anticorpi monoclonali specifici per epitopi diversi dello stesso antigene HER-2/neu, proteina transmembranaria la cui overespressione è in stretta relazione con l’insorgenza dei tumori del seno, dell’utero e dell’ovaio.
I risultati ottenuti dalle analisi strutturali e funzionali hanno messo in luce quali potrebbero essere le caratteristiche peculiari di un scFv funzionale per poter essere utilizzato sia nella diagnosi che nella terapia dei tumori.
Le metodologie di lavoro hanno compreso il clonaggio degli anticorpi ingegnerizzati in vettori di espressione batterici, saggi qualitativi e quantitativi di tale espressione, studio tramite software di indagine strutturale del ripiegamento degli anticorpi.

Mostra/Nascondi contenuto.
SCOPO DEL LAVORO Nel corso degli ultimi anni l�incidenza dei tumori al seno, utero e ovaio � andata aumentando e la scienza ha fatto notevoli progressi per quanto riguarda la diagnosi, la prevenzione e la cura di tali malattie. La chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia sono tecniche che nella maggior parte dei casi danno buoni risultati, eliminando completamente il tumore, ma sono comunque invasive (come nel caso della chirurgia) e causano rilevanti effetti collaterali (come nel caso della chemioterapia e della radioterapia). Negli ultimi anni molta ricerca � stata portata avanti nel campo degli anticorpi ingegnerizzati (umanizzati, chimerici e single chain Fv) che, per le loro caratteristiche, rappresentano un buon strumento applicativo nell�avanzamento tecnologico della terapia dei tumori. Scopo di questo lavoro � stato indagare e confrontare due anticorpi ingegnerizzati scFv derivati da due anticorpi monoclonali specifici per epitopi diversi dello stesso antigene HER-2/neu, proteina transmembranaria la cui overespressione � in stretta relazione con l�insorgenza dei tumori del seno, dell�utero e dell�ovaio. I risultati ottenuti delle analisi strutturali e funzionali hanno messo in luce quali potrebbero essere le caratteristiche peculiari di un scFv funzionale per poter essere utilizzato sia nella diagnosi che nella terapia dei tumori.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Flavia Novelli Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2897 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.