Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Obblighi di comportamento e responsabilità degli intermediari finanziari

Si analizzano inizialmente gli obblighi di comportamento previsti dalla legge a carico degli intermediari finanziari, con particolare attenzione agli obblighi di informazione verso gli investitori, si passa all'analisi della responsabilità a carico degli intermediari per false informazioni e in modo particolare della responsabilità da prospetto informativo. L'ultima parte è dedicata all'esame della responsabilità per fatto illecito compiuto dal promotore finanziario, dopo aver esaminato le regole e la normativa disciplinante il rapporto tra promotore e intermediario.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Nell’ultimo decennio la realtà dei mercati finanziari ha subito notevoli mutamenti, sia in termini di evoluzione della struttura e del funzionamento, sia dal punto di vista spaziale per un generale processo di armonizzazione a livello comunitario, che ha consentito agli operatori nazionali di estendere la prestazione dei propri servizi finanziari al di fuori dei confini territoriali. Se a ciò si aggiunge una crescita e un affinamento della cultura economico-finanziaria del pubblico dei risparmiatori, a cui fa seguito una maggiore propensione al rischio e all’investimento e una crescente attenzione al mondo finanziario e borsistico, il quadro può dirsi completo. Questa generale tendenza di avvicinamento ai mercati finanziari, a cui in precedenza si rivolgeva un pubblico più selezionato formato da investitori professionali, imprenditori, azionisti di società, ha fatto sì che gli operatori (banche e società d’investimento) si adeguassero ricorrendo a politiche di differenziazione dei prodotti finanziari e si dotassero di quegli strumenti necessari a soddisfare i bisogni e le esigenze sia degli investitori retail sia di quelli istituzionali, sia nazionali che esteri. L’estensione della domanda d’investimento, se da un lato ha reso più efficiente e più variegata l’offerta, dall’altro ha posto problemi relativi alla tutela di un così vasto pubblico di investitori, che si rivolgono a un mercato, la cui regolamentazione, fino a qualche anno fa, era lasciata agli stessi operatori economici.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cinzia Maria Docile Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10249 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.