Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo e i suoi usi

Il corpo può considerarsi una sorta di “filtro culturale” con cui ogni epoca e società stabiliscono un proprio rapporto che si manifesta attraverso gli usi, le tecniche che ad esso si applicano, i costumi. In tal senso si dice che il corpo sfugge alla sua origine naturale per rivelarsi un prodotto culturale che come tale varia da cultura a cultura, da epoca ad epoca. Marcel Mauss parla in quest’ottica di “tecniche del corpo” intendendo indicare con quest’espressione una sorta di sapere appreso in epoca remota e cresciuto con il copro stesso, divenendo lo stesso corpo tramite di quel sapere. E’ attraverso queste stesse tecniche che per Mauss sono semplici tecniche di apprendimento, che il potere e la legge, si scrivono sui corpi producendoli al tempo stesso in cui li disciplinano. Le tecniche del corpo possono così essere interpretate anche positivamente se intese, come da Mauss, in termini di procedure di costruzione dei corpo stessi, o negativamente, come da Foucault che in esse legge piuttosto la forma in cui la cultura, e quindi soprattutto il potere, la disciplina pretendono di inscriversi sui corpi per riscriverli rispetto a un’originaria “naturalità”, disponibilità non disciplinata. Il processo di mutamento che caratterizza l’uso del copro nell’ambito della pratica medica e della pratica penale, (le quali sempre e suppongono una certa concezione “filosofica” del copro, e al contempo contribuiscono a un suo cambiamento) nel corso dell’epoca moderna e nel passaggio da questa all’epoca contemporanea (che possiamo chiamare tardo-moderna o post-moderna, attribuendo a questo termine un significato ben preciso) ci si propone con grande evidenza. L’epoca tardo-moderna si caratterizza per il compimento della secolarizzazione (iniziata con l’illuminismo) che comporta la distinzione fra morale diritto e il pluralismo etico da un lato, e dall’altro il più radicale processo di astrazione e simbolizzazione della legge. Secolarizzazione e pluralizzazione si attuano principalmente, a nostro avviso, attraverso un’attenuazione del valore di assoluta cogenza della legge etica e attraverso il riconoscimento di una pluralità di “comunità” etico-morali portatrici di valori differenti e di principi mai assoluti in quanto molteplici. La proliferazione di differenti principi morali comporta una diminuzione di impositività e contemporaneamente un ampliamento del principio di tolleranza e rispetto verso il singolo, e verso il corpo nella sua piena integrità, troppo abusato nella storia. In questa prospettiva la bioetica si può considerare un tipico “prodotto”, un tipico “sapere” dell’epoca tardo-moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il corpo può considerarsi una sorta di “filtro culturale” con cui ogni epoca e società stabiliscono un proprio rapporto che si manifesta attraverso gli usi, le tecniche che ad esso si applicano, i costumi. In tal senso si dice che il corpo “sfugge alla sua origine naturale per rivelarsi un prodotto culturale che come tale varia da cultura a cultura, da epoca ad epoca” 1 . Marcel Mauss parla in quest’ottica di “tecniche del corpo” 2 intendendo indicare con quest’espressione una sorta di sapere appreso in epoca remota e cresciuto con il copro stesso, divenendo lo stesso corpo tramite di quel sapere. E’ attraverso queste stesse tecniche che per Mauss sono semplici tecniche di apprendimento, che il potere e la legge, si scrivono, come sostiene Foucault 3 , sui corpi producendoli al tempo stesso in cui li disciplinano. Le tecniche del corpo possono così essere interpretate anche positivamente se intese, come da Mauss, in termini di procedure di costruzione dei corpo stessi, o negativamente, come da Foucault che in esse legge piuttosto la forma in cui la cultura, e quindi soprattutto il potere, la disciplina pretendono di inscriversi sui corpi per riscriverli rispetto a un’originaria “naturalità”, disponibilità non disciplinata. Nel corso del 700 una notevole trasformazione interessa la pratica della punizione richiesta e imposta dalla legge, e la pratica della medicina in seno alla quale sorge la clinica che cambierà profondamente. In questi anni le punizioni fisiche rimaste per secoli incentrate sullo strazio fisico del corpo, vengono effettuate sempre più raramente fino a cessare del tutto nei diversi stati europei che 1 Cfr. C.Pasquinelli, Il corpo tra natura e cultura, in Dal corpo al corpo numero speciale della “Cosa freudiana”, n.10, 11 maggio 1996, p.12. 2 Cfr. Marcel Mauss, Sociologie et anthropologie, Paris, P.U.F., 1950, trad.it., Teoria generale della magia e altri saggi, con introduzione di C. Lévi-Strauss, Torino, Einaudi, 1980, pp.385-411. 3 Cfr. M.Foucault, Surveiller et punir, Paris, Gallimard, 1975 ; trad.it. Sorvegliare e punire, Torino, Einaudi, 1976. Tutto il campo degli studi di Foucault ha come tema centrale quello del potere esercitato sul corpo, sia come ha sottolineato anche Remo Bodei (cfr. La filosofia del 900, Roma, Donzelli, 1997) , nella forma del “governo” degli atri, sia nella forma del “governo” di se stessi. Il potere che criminalizza, sorvegli, controlla, punisce il copro ha come scopo quello di renderlo politicamente più docile ed economicamente più capace di rendimento. Come nota ancora Bodei, l’opera di Foucault si può considerare una sorta di cammino dall’analisi “delle procedure di trasformazione degli esseri umani in oggetti a quella della loro trasformazione in “soggetti” (p.147).

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Filosofia

Autore: Elena Soetje Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8359 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.