Skip to content

Il corpo e i suoi usi

Informazioni tesi

  Autore: Elena Soetje
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Filosofia (Estetica)
Anno: 1997
Docente/Relatore: Gianni Vattimo
Correlatore: LucianoNanni
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
Dipartimento: Filosofia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

Il corpo può considerarsi una sorta di “filtro culturale” con cui ogni epoca e società stabiliscono un proprio rapporto che si manifesta attraverso gli usi, le tecniche che ad esso si applicano, i costumi. In tal senso si dice che il corpo sfugge alla sua origine naturale per rivelarsi un prodotto culturale che come tale varia da cultura a cultura, da epoca ad epoca. Marcel Mauss parla in quest’ottica di “tecniche del corpo” intendendo indicare con quest’espressione una sorta di sapere appreso in epoca remota e cresciuto con il copro stesso, divenendo lo stesso corpo tramite di quel sapere. E’ attraverso queste stesse tecniche che per Mauss sono semplici tecniche di apprendimento, che il potere e la legge, si scrivono sui corpi producendoli al tempo stesso in cui li disciplinano. Le tecniche del corpo possono così essere interpretate anche positivamente se intese, come da Mauss, in termini di procedure di costruzione dei corpo stessi, o negativamente, come da Foucault che in esse legge piuttosto la forma in cui la cultura, e quindi soprattutto il potere, la disciplina pretendono di inscriversi sui corpi per riscriverli rispetto a un’originaria “naturalità”, disponibilità non disciplinata. Il processo di mutamento che caratterizza l’uso del copro nell’ambito della pratica medica e della pratica penale, (le quali sempre e suppongono una certa concezione “filosofica” del copro, e al contempo contribuiscono a un suo cambiamento) nel corso dell’epoca moderna e nel passaggio da questa all’epoca contemporanea (che possiamo chiamare tardo-moderna o post-moderna, attribuendo a questo termine un significato ben preciso) ci si propone con grande evidenza. L’epoca tardo-moderna si caratterizza per il compimento della secolarizzazione (iniziata con l’illuminismo) che comporta la distinzione fra morale diritto e il pluralismo etico da un lato, e dall’altro il più radicale processo di astrazione e simbolizzazione della legge. Secolarizzazione e pluralizzazione si attuano principalmente, a nostro avviso, attraverso un’attenuazione del valore di assoluta cogenza della legge etica e attraverso il riconoscimento di una pluralità di “comunità” etico-morali portatrici di valori differenti e di principi mai assoluti in quanto molteplici. La proliferazione di differenti principi morali comporta una diminuzione di impositività e contemporaneamente un ampliamento del principio di tolleranza e rispetto verso il singolo, e verso il corpo nella sua piena integrità, troppo abusato nella storia. In questa prospettiva la bioetica si può considerare un tipico “prodotto”, un tipico “sapere” dell’epoca tardo-moderna.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il corpo può considerarsi una sorta di “filtro culturale” con cui ogni epoca e società stabiliscono un proprio rapporto che si manifesta attraverso gli usi, le tecniche che ad esso si applicano, i costumi. In tal senso si dice che il corpo “sfugge alla sua origine naturale per rivelarsi un prodotto culturale che come tale varia da cultura a cultura, da epoca ad epoca” 1 . Marcel Mauss parla in quest’ottica di “tecniche del corpo” 2 intendendo indicare con quest’espressione una sorta di sapere appreso in epoca remota e cresciuto con il copro stesso, divenendo lo stesso corpo tramite di quel sapere. E’ attraverso queste stesse tecniche che per Mauss sono semplici tecniche di apprendimento, che il potere e la legge, si scrivono, come sostiene Foucault 3 , sui corpi producendoli al tempo stesso in cui li disciplinano. Le tecniche del corpo possono così essere interpretate anche positivamente se intese, come da Mauss, in termini di procedure di costruzione dei corpo stessi, o negativamente, come da Foucault che in esse legge piuttosto la forma in cui la cultura, e quindi soprattutto il potere, la disciplina pretendono di inscriversi sui corpi per riscriverli rispetto a un’originaria “naturalità”, disponibilità non disciplinata. Nel corso del 700 una notevole trasformazione interessa la pratica della punizione richiesta e imposta dalla legge, e la pratica della medicina in seno alla quale sorge la clinica che cambierà profondamente. In questi anni le punizioni fisiche rimaste per secoli incentrate sullo strazio fisico del corpo, vengono effettuate sempre più raramente fino a cessare del tutto nei diversi stati europei che 1 Cfr. C.Pasquinelli, Il corpo tra natura e cultura, in Dal corpo al corpo numero speciale della “Cosa freudiana”, n.10, 11 maggio 1996, p.12. 2 Cfr. Marcel Mauss, Sociologie et anthropologie, Paris, P.U.F., 1950, trad.it., Teoria generale della magia e altri saggi, con introduzione di C. Lévi-Strauss, Torino, Einaudi, 1980, pp.385-411. 3 Cfr. M.Foucault, Surveiller et punir, Paris, Gallimard, 1975 ; trad.it. Sorvegliare e punire, Torino, Einaudi, 1976. Tutto il campo degli studi di Foucault ha come tema centrale quello del potere esercitato sul corpo, sia come ha sottolineato anche Remo Bodei (cfr. La filosofia del 900, Roma, Donzelli, 1997) , nella forma del “governo” degli atri, sia nella forma del “governo” di se stessi. Il potere che criminalizza, sorvegli, controlla, punisce il copro ha come scopo quello di renderlo politicamente più docile ed economicamente più capace di rendimento. Come nota ancora Bodei, l’opera di Foucault si può considerare una sorta di cammino dall’analisi “delle procedure di trasformazione degli esseri umani in oggetti a quella della loro trasformazione in “soggetti” (p.147).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi