Skip to content

Il termine epinikion. Usi e significati nella documentazione di età greca e romana

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Vecchione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Elena Miranda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 299

Il presente lavoro è stato svolto con l'intenzione di illustrare la natura lessicale del termine epinikion, passando attraverso l’analisi dei contesti e delle occasioni in cui esso era usato. Tale ricerca ha consentito di approfondire alcuni interessanti temi relativi al concetto di vittoria nella società greca e romana dall’età arcaica fino al tardo impero.
Il vocabolo prescelto rientra nel campo semantico, molto ampio, dei termini attinenti alla vittoria, militare o agonistica che sia. Accanto ad esso, ci sono molti altri termini riconducibili alla stessa radice, ma in questa famiglia lessicale, epinikion appare come il vocabolo più versatile e più ricco di sfumature semantiche. Difatti, ad una lettura anche solo scolastica, quindi non approfondita, delle fonti, ci si accorge che questo termine non veniva usato con un unico significato.
Partendo dalle testimonianze letterarie, ma mirando a compiere una ricerca prettamente epigrafica, con un grande contributo offerto dalle leggende monetali, si è cercato di elaborare un quadro, quanto più completo possibile, dell'utilizzo che si faceva di questo termine greco.
La ricerca è stata indirizzata sia alla forma sostantivale che aggettivale del vocabolo. La prima ha fornito le vere e proprie accezioni del termine; la seconda, ha dato indicazioni su ciò che gli antichi Greci potevano qualificare come “epinicio”.
Al termine della ricerca, della catalogazione e della trattazione sistematica delle fonti antiche, emergono elementi indiscutibili sulla grande ricchezza lessicale e semantica di questo termine. Si può dire, alla fine, con maggiore coscienza, che “epinici” non erano, di certo, solo i canti di Pindaro.
Nell'atmosfera di festa che seguiva una vittoria atletica, epinikion non era solo il canto, ma anche altri elementi potevano assumere questa denominazione. Essi facevano parte di una specie di “cerimoniale di vittoria” tradizionale, i cui vari aspetti sono bene sottolineati dalle fonti letterarie.
Oltre che in questo contesto prettamente agonistico, l'uso di epinikion è presente anche in ambito militare. Esso qualifica le feste che si organizzavano per una vittoria militare, soprattutto di imperatori romani; oppure elementi attinenti con la cerimonia romana del trionfo.
Se per questi aspetti, più conosciuti del termine, le fonti letterarie accompagnano e chiariscono quelle epigrafiche e numismatiche; per altre accezioni meno note, l'evidenza epigrafica e numismatica costituisce l'unica base di studio che possediamo, senza la quale sfumature importanti del termine sarebbero andate perse per sempre.
E' questo il caso del significato di epinikion-epinikia come Dia panton, gara finale in cui si doveva giudicare la migliore performance tra tutte le specialità. Quest'accezione è riportata soltanto da cataloghi di vincitori in concorsi musicali della Beozia.
Singolare, nella categoria di epinikion come epiteto, anche il caso a sé stante, dell'iscrizione ritrovata sul seggio del teatro di Mileto, della metà del V d.C.. In questo caso, epinici vengono definiti gli aurarii, orafi che avevano mansioni connesse con la coniazione dell'oro per occasioni speciali, quali le feste imperiali. Ad un certo punto, questi aurarii si videro assegnare compiti sempre più importanti, che li portarono, ben presto, a ricoprire un ruolo di prestigio nella società del tempo.
Dal punto di vista cronologico, il termine epinikion fu utilizzato, nel corso dei secoli, senza soluzione di continuità: la sua prima attestazione, nel mio catalogo, risale al VII a.C.; l'ultima presenza è della metà del V d.C..
Un altro elemento importante da evidenziare è che, almeno da quello che risulta dalle fonti prese in esame, alcuni dei significati di epinikion, sono attestati con maggiore frequenza in un determinato momento storico, in una determinata regione geografica e in un determinato tipo di fonte. Se consideriamo epinikion nella sua accezione di dia panton, notiamo che essa si ritrova esclusivamente sulle epigrafi beotiche dei primi tre secoli avanti Cristo. L'accezione di Epinikia come “feste per la vittoria”, è molto frequente, nelle epigrafi e sulle leggende monetali, nei primi secoli della nostra era. Per lo più, queste feste Epinicie furono celebrate nelle regioni dell'Asia Minore, dove il dominio romano faceva sentire una maggiore pressione politica.
Quale che sia l'uso che si faceva di epinikion, quale il contesto, quale la forma o il valore che assumeva, tutti gli esempi riportano ad un'atmosfera unica, quella della celebrazione di una vittoria. Potevano essere i festeggiamenti in patria dell'atleta vincitore in un concorso; le feste, nelle varie città greche, o il trionfo celebrato a Roma, in onore dell'imperatore vittorioso in battaglia: si rimane, sempre, in un clima di esaltazione del vincitore, che si eleva al di sopra degli altri uomini e riceve, per questo, onori, come se fosse un dio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

epinicio
pindaro
epigrafia greca
agoni
iscrizioni agonistiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi