Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dopoguerra e politica monetaria: la stabilizzazione Einaudi

La tesi approfondisce gli argomenti di discussione, sia in sede di lavori parlamentari sia sulle riviste ed i quotidiani dell'epoca, riguardo alla scelta degli strumenti di politica economica attraverso cui operare per frenare il processo inflazionistico nel biennio 1945/47.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO LA SITUAZIONE ECONOMICA GENERALE ALLA LIBERAZIONE Ai primi di maggio del 1945, mentre l'esercito alleato stava ultimando le operazioni di liberazione del Nord, iniziava la lunga e difficile fase della ricostruzione. La guerra aveva provocato effetti devastanti: i bombardamenti aerei negli ultimi 22 mesi di combattimenti sul suolo italiano avevano danneggiato soprattutto il patrimonio abitativo e le infrastrutture pubbliche. Alla fine del 1945 Meuccio Ruini, ministro per la ricostruzione, presentò una relazione al governo Parri in cui si sosteneva che "Su 31 milioni di vani di abitazioni esistenti in Italia, oltre duemilioni sono stati distrutti, oltre un milione gravemente danneggiati, tremilioni e mezzo lievemente; in complesso seimilioni e settecentomila vani distrutti o danneggiati" 1 . Grave era la situazione dei trasporti, sia ferroviario che marittimo. Il movimento merci delle ferrovie da 592,8 milioni di quintali, nel 1939-40, si era ridotto a 264,3 milioni di quintali nel 1945-46. In confronto al preguerra la capacità di trasporto ferroviario era ridotta al 40% : ingenti erano i danni provocati dai bombardamenti alleati e dai sabotaggi tedeschi al parco ferroviario (locomotori ridotti al 50%) e alle linee ed impianti fissi. Inoltre, in base ai primi accertamenti rivelatisi poi esatti, i trasporti su strada con una riduzione del parco autocarri da 100 mila a 45 mila unità, non potevano sostituire le deficienze del sistema ferroviario. Drammatica si presentava anche la situazione del naviglio mercantile ridotto a poco più del 10 % della sua stazza lorda. (tab. 1.a) Dall'estate 1945 alla primavera del 1947, il compito di fronteggiare l'emergenza ed i seri problemi politici spettò a cinque governi di coalizione: il primo governo della Liberazione (19 giugno - 10 dicembre 1945) fu presieduto dal prof. Ferruccio Parri, guida

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Malarini Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3155 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.