Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autonomia collettiva e fondi pensione

Si tratta di uno studio più approfondito dello strumento previdenziale dei fondi pensione e del ruolo che i sindacati dovrebbero ricoprire nell'istituzione dei fondi. Uno sguardo al sistema previdenziale privato in alcuni dei paesi maggiormente rappresentativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Parlare di fondi pensione e in generale di previdenza è un compito arduo, in quanto ci si trova di fronte a modelli previdenziali e a regole oggetto di continue modifiche da parte del legislatore e delle parti sociali. La difficoltà nasce, peraltro, anche dalla notevole tecnicità della materia, che ne ostacola una facile comprensione da parte dei cittadini e dalle continue evoluzioni che interessano il sistema economico e il mondo politico. Tali cambiamenti si ripercuotono sul tenore di vita dei cittadini, creando, di conseguenza, nel lavoratore e nel pensionato l’esigenza e l’aspettativa di veder modificata in meglio la propria situazione economica presente e futura, in modo tale da poter mantenere ad un certo livello il loro modus vivendi. A quest’esigenza sembra rispondere la creazione dei fondi pensione, che permettono di accantonare un capitale garantito per il futuro (sempre e in ogni caso incerto). L’argomento dei fondi pensione va dunque inquadrato in un contesto più ampio, quale appunto quello della modifica strutturale della previdenza italiana (legge n. 335 del 1995) costituendo, di fatto, uno degli assi portanti del nuovo sistema di sicurezza sociale. Infatti, l’affermazione dei fondi pensione dovrebbe consentire, almeno nelle intenzioni del legislatore, di ridurre i costi sino ad ora sopportati dagli enti pubblici di previdenza e, nel contempo, assicurare una copertura pensionistica complessiva in grado di garantire il mantenimento di un tenore di vita adeguato ai lavoratori iscritti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Riccardo Matera Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1589 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.