Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle Fondazioni Bancarie nel processo di privatizzazione degli Istituti Creditizi

Tesi sperimentale inerente al mondo delle Fondazioni Bancarie, possibilità di investimento nel settore dell'arte, confronto con i modelli esteri di privatizzazione di Istituti Creditizi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 - PROFILI INTRODUTTIVI. 1.1 Definizione di privatizzazione, privatizzazione formale e sostanziale. Con il termine di privatizzazione si può fare riferimento a molteplici fenomeni, non tutti riconducibili alla tematica, seppur ampia, delle forme d’intervento dello Stato nelle relazioni economiche; sono, infatti, modalità sia la cosiddetta “destatizzazione”, che è la costituzione d’agenzie cui vengono affidati compiti pubblici, che la sostituzione di soggetti e procedure pubblici coi loro corrispondenti privati; sia le forme di affidamento ai privati di funzioni pubbliche, che, infine, la trasformazione di precedenti enti pubblici economici in S.p.A. con la successiva cessione dei relativi pacchetti azionari. Riguardo alle due fondamentali accezioni del termine “privatizzazione”, si suole distinguere tra quella sostanziale e quella formale, dove la prima designa la modificazione dell’assetto proprietario dell’impresa o, in ogni modo, il passaggio ai soggetti privati dell’esercizio dell’attività svolta in precedenza dallo Stato o da un altro ente pubblico, mentre con la seconda s’intende il fenomeno dell’adozione di una forma giuridica appartenente ad una tipologia privatistica che sostituisce la precedente di stampo pubblicistico. La privatizzazione, nella sua accezione più appropriata, coincide con l’ipotesi di quella sostanziale che si riduce e corrisponde con la perdita di controllo, da parte del settore pubblico, dell’impresa, che transita in mano a privati non controllabili dai pubblici poteri. L’insieme d’interventi dello Stato, per eliminare restrizioni dannose alla concorrenza e così massimizzare l’efficienza allocativa del mercato, la cosiddetta “deregulation”, va in ogni caso tenuta distinta dall’attività di privatizzazione, poiché alla prima non corrisponde automaticamente la

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Mangione Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2598 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.