Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La musica come terapia. Analisi critica di alcuni recenti contributi

Il termine musicoterapia deriva dai concetti di musikè (rappresentazione dell’uomo in parola, suono e movimento) e therapeia (assistenza, cura, guarigione).
Generalmente una seduta di musicoterapia si svolge in uno studio che deve avere determinate caratteristiche; in modo particolare, deve essere isolato acusticamente e non vi devono essere oggetti o arredamenti che ostacolino il movimento del paziente.Il setting può però essere costituito anche all’aperto.
Ogni musicoterapeuta ha un proprio Gruppo Operativo Strumentale (GOS) costituito dall’insieme degli strumenti corporeo-sonoro-musicali che vengono utilizzati durante le sedute.
Per quanto riguarda le principali Scuole di pensiero della musicoterapia si possono individuare due gruppi dominanti. La musica è in relazione anche con la psicologia e la psicoanalisi.L’ascolto di particolari ritmi o armonie può influenzare le nostre emozioni intensificandole o modificandole.
Ogni essere umano nel corso della sua vita ha vissuto delle esperienze collegate alla musica e, l’ascolto di un particolare brano musicale, può risvegliare in lui il loro ricordo.
L’uso della musica durante il trattamento psicoterapeutico può indurre la produzione onirica, facilitare la regressione e l’emergere dei fenomeni di transfert e controtransfert.
Nel lavoro coi disabili mentali l’uso del corpo come strumento di movimento o percussione è importante. Nel caso di nevrosi e psicosi la musica aiuta ad eliminare i contenuti disturbanti presenti nel paziente, facilita l’interazione e la relazione con gli altri e può fungere da mezzo sostitutivo del linguaggio parlato.
Con persone afflitte da autismo la musica può svolgere il ruolo di oggetto mediatore tra soggetto e realtà esterna, può cioè rappresentare uno strumento di comunicazione che consente un’azione terapeutica che non provochi nel paziente segni d’angoscia.
La terapia musicale mira ad eliminare gli ostacoli emotivi o intellettuali che si frappongono tra il soggetto autistico e l’ambiente, e a migliorare il comportamento del paziente nel suo rapporto sia con chi lo circonda sia con se stesso.
La musicoterapia può venire utilizzata anche durante la gravidanza. La musica aiuta la donna a regredire al suo vissuto personale di feto e di figlia e a vivere con meno ansia questa fase della sua vita.
Al momento del parto la musica può aiutare la puerpera a potenziare i suoi livelli energetici, a ridurre l’ansia e a trovare una condizione di concentrazione fisica e mentale. Inoltre la musica dà la possibilità alla partoriente di gridare e urlare senza vergogna nei confronti di chi ascolta e di aprire il canale della comunicazione viscerale con l’ambiente e il bambino.
I suoni aiutano anche il feto, in modo particolare se li ha uditi in precedenza associati a sensazioni positive trasmessegli dalla madre, a rassicurarsi durante le operazioni legate all’uscita dal ventre materno. Questo rappresenta un aspetto di accoglienza svolto dalla musica nei confronti del bambino, i suoni indicano che la vita esiste anche oltre il tunnel, verso la luce, all’esterno.
Gli effetti della musicoterapia in gravidanza possono continuare anche dopo il parto.
La musica può essere utilizzata anche nel trattamento di un bambino Down poiché questi ne ha uno spiccato desiderio, sente il ritmo, prova piacere nell’ascolto di brani, in particolare melodici, e nel cantare insieme agli altri.
Un’ulteriore gratifica per il bambino afflitto da questa sindrome è rappresentata dalla produzione musicale. Far musica singolarmente o in gruppo può servire per fargli manifestare la sua ricca inventiva.
La terapia musicale può portare a buoni risultati anche nei casi di soggetti afflitti da disturbi del linguaggio o da morbo di Parkinson.
Per quanto riguarda la situazione della musicoterapia in Italia è difficile riuscire a reperire una quantità di materiale bibliografico sufficiente per poterne ricostruire un quadro realistico.
Per sopperire in parte a questa difficoltà ho contattato direttamente dei musicoterapeuti ai quali ho sottoposto un questionario di 9 domande. Un obiettivo comune alla maggior parte dei terapeuti è quello di favorire nel paziente, attraverso la musica, una maggiore consapevolezza corporea e un’apertura nei confronti dell’ambiente esterno, anche attraverso un miglioramento della comunicazione verbale e non-verbale. Nello svolgimento delle sedute quasi tutti i musicoterapeuti individuano tre momenti principali: la canzone di benvenuto, la parte attiva e la canzone d’arrivederci.Tutti danno comunque molto spazio all’improvvisazione e al paziente e non usato musica registrata.
I maggiori successi ottenuti da questi musicoterapeuti riguardano un miglioramento della comunicazione e dell’autostima del soggetto e un innalzamento della soglia attentiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni si è assistito alla nascita di nuove discipline che vengono usate indipendentemente oppure possono affiancare la psicoterapia durante il trattamento dei pazienti. In quest’ultimo caso gli effetti benefici delle due tecniche si vanno a sommare portando un grosso vantaggio al soggetto affetto da una patologia psicologica e/o fisica. Particolare rilievo, all’interno dell’ambiente medico-psicologico, hanno avuto le artiterapie; la mia attenzione, però, è stata attratta in modo particolare dalla musicoterapia. Anche se in paesi come l’America la musica viene ufficialmente riconosciuta come metodo curativo, nel nostro Paese i suoi effetti terapeutici sono ancora sottovalutati; nella nostra società la musica rappresenta principalmente una fonte di divertimento, un hobby. Con il mio lavoro cercherò di far emergere i benefici che può apportare l’uso della musicoterapia in determinate situazioni. Sebbene i campi di applicazione di questa disciplina siano numerosi ed aumentino di giorno in giorno, ho deciso di studiare gli effetti terapeutici della musica solo in alcune delle principali patologie fisiche e/o psichiche. Nella stesura del primo capitolo cercherò di definire la musicoterapia e di ricostruirne la storia prestando attenzione anche alla situazione italiana. Esaminerò gli aspetti tecnici delle sedute musicoterapiche e le teorie delle principali Scuole di pensiero. Nell’ultima parte proverò ad individuare i punti in comune tra psicologia, psicoanalisi e musica e il modo in cui quest’ultima può influenzare le prime due. Il successivo capitolo sarà dedicato all’uso della musicoterapia nei casi di disturbi psichici. Dopo un’introduzione sul problema dell’igiene e del deficit mentale saranno trattate tre patologie: la nevrosi, la psicosi e l’autismo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Sonia Riboli Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 38740 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 54 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.