Skip to content

Misoginia: una malattia maschile

Informazioni tesi

  Autore: Federico Zanatta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Alberto Zatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

A conclusione di questa analisi a proposito della misoginia, e all’interno dell’economia del discorso presente nel capitolo precedente, vorrei poter introdurre qualche brevissimo spunto personale, per appunto concludere la mia tesi richiamandomi ad alcuni temi che, tra i testi citati nella bibliografia, ho trovato come più interessanti, o stimolanti (soprattutto all’interno dei testi della Dworkin, di Gilmore e dell’Irigaray).
Se affrontate dal loro punto di vista provocatorio ma comunque attuale, idee a proposito di un’”uccisione” dell’”eterosessualità assegnata” possono essere viste come una possibile chiave futura per la soluzione del problema della misoginia, ma anche della discriminazione di tutte le differenze.
Riuscire a non porre più come fondamentale il destino della specie all’interno di un discorso che verte sulla possibile ri-definizione dei ruoli sessuali [e non], all’interno della società, potrebbe garantire una maggior libertà all’individuo, e potrebbe scongiurare ulteriori tentativi di dominio di una parte sull’altra. L’apertura a temi come quello di un possibile confronto della bambina o del bambino con il genitore dello stesso sesso, senza l’implicazione del mortificare gli stimoli e gli impulsi sessuali dell’infante verso quest’ultimo, potrebbe garantire una maggior “elasticità” di quella che sarà la futura sessualità della futura donna o uomo… Credo che il mantenimento della specie non sarà mai in pericolo, non almeno a causa della scomparsa del monopolio dell’eterosessualità.
L’introduzione all’interno di un discorso sulla famiglia di una figura paterna più presente, e compartecipante, assieme alla madre, dell’allevamento e del nutrimento del figlio, potrebbe di certo eludere il rischio di una rigida identificazione nel maschile da parte del bambino all’interno di una dinamica che si è notato non essere prescindibile dal creare conflitti tali da portare alla misoginia. E in questo, un ruolo fondamentale sarà proprio quello di essere partecipe maggiormente della propria natura femminile, da parte del bambino e dell’uomo adulto. Forse la ridefinizione del significato di femminile e maschile potrà portare ad ulteriori sviluppi nelle possibilità di identificazione per i bambini, ma soprattutto potrà portare ad una diversa visione della differenza sessuale, in cui termini come attivo e passivo potranno essere scelti dall’individuo, nel caso ne fosse interessato, esclusivamente all’interno di un discorso personale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Circa due anni fa, nel febbraio del duemila, ho sostenuto l’esame di psicologia dinamica con il dottor Zatti, docente di Psicologia dinamica all’università Ca Foscari di Venezia. Tra i testi presenti in bibliografia, due in particolare colpirono la mia attenzione. Il primo, più prettamente di carattere antropologico, era stato scritto da un docente della State University of New York, David Gilmore (Gilmore, 1993), e trattava l’argomento dell’identificazione nel maschile, e della nascita della virilità. Il secondo, scritto da una donna, Luce Irigaray (Irigaray, 1976), analizzava molto ironicamente il presunto sviluppo della sessualità femminile, utilizzando lo stesso metodo utilizzato da Freud nel tracciarne i punti chiave, con lo scopo però di evidenziare quanto il percorso di identificazione per la bambina nel femminile fosse completamente condizionato, o meglio asservito, a quello che era lo sviluppo della personalità e della sessualità maschile. Il primo testo rifletteva maggiormente a proposito dei rituali o delle idee di “rinascita” implicite appunto alla nascita della virilità, evidenziando quanto questa fosse ovunque identificata a partire da una “ripulsa” nei confronti del femminile, e da una pressoché universale uccisione della figura materna (e quindi, di conseguenza, di quella femminile). Il secondo sottolineava quanto, confrontandosi soprattutto con Freud, il femminile fosse delineato esclusivamente all’interno della propria relazione col maschile, fungendo il ruolo di contrario, negativo, ma soprattutto evidenziava quanto la sessualità femminile potesse arrivare ad una propria maturità solo all’interno della funzione materna, perdendo ogni ulteriore peculiarità, e connotandosi in una netta situazione di antagonismo nei confronti del maschile,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

misoginia
sigmund freud
psicologia dinamica
luce irigaray
andrea dworkin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi