Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il MAC ed il dibattito sul design

La tesi si propone di fornire una lettura del Movimento Arte Concreta (MAC) che ponga particolare attenzione al dibattito ed agli interessi che vi si svilupparono relativamente al tema del design industriale.
Il Movimento Arte Concreta si formò a Milano nel dicembre del 1948 per iniziativa di Gillo Dorfles, Gianni Monnet, Bruno Munari ed Atanasio Soldati e protrasse la sua attività sino al 1958. Nacque come gruppo di artisti gravitanti nell’orbita dell’astrattismo, o meglio praticanti quella particolare tendenza dell’astrattismo che veniva identificata con il nome di Arte Concreta o Concretismo.
Da questa premessa, il MAC sviluppò sin dai suoi esordi un’insofferenza nei confronti dell’opera artistica concepita come oggetto unico, concluso in se stesso, e manifestò la volontà di intervenire ad ampio raggio all’interno di tutti quegli ambiti interessati da una qualche valenza estetica. Il movimento si proponeva di ristabilire un diretto legame tra arte e società, che si riteneva fosse andato progressivamente deteriorandosi, attraverso l’affermazione di una nuova figura di artista moderno, che avesse la volontà e le capacità di soddisfare le esigenze estetiche della società industriale: all’interno di questo scenario appunto si colloca organicamente la tensione sviluppata dal movimento nei confronti del design.
Il dibattito relativo al design era in quegli anni, soprattutto in ambito milanese, di particolare attualità, come dimostra l’interessamento che vi dedicarono numerose riviste, come “Domus” e “Stile Industria”, enti, quali la Triennale ed il Museo della Scienza e della Tecnica, e che si manifestò anche a livello istituzionale, coinvolgendo il Ministero della Pubblica Istruzione. Entro questo contesto si inserisce quindi l’apporto del MAC alla questione, che si concretizzò principalmente in una serie di mostre le quali da una parte manifestavano e riassumevano il dibattito del MAC relativo al design, dall’altra fornivano uno spunto di ulteriore riflessione.
Tali mostre sono state definite “mostre di design”; in realtà esse non esponevano progetti tecnici effettivamente realizzabili, né oggetti prodotti industrialmente in serie a partire da un progetto originario. Tali manifestazioni, che si proponevano soprattutto di rendere noto al pubblico ed agli industriali in che modo il capitale di creatività proprio dell’artista fosse in grado di piegarsi a soddisfare le esigenze estetiche della collettività, si mantennero sempre su di un piano propositivo e sperimentale: gli artisti del MAC (a parte Munari) non avevano infatti le capacità tecniche né l’esperienza professionale per porsi come veri e propri designer.
La visione del design che ne emerge è quella di un terreno d’incontro tra le esigenze dell’arte e quelle dell’industria, di uno strumento attraverso il quale sarebbe stato possibile ricomporre la frattura tra arte e società. Tuttavia il ruolo dell’artista in questo processo venne sopravvalutato, trascurando quello giocato dall’industria, per lo più disinteressata al discorso culturale portato avanti dal movimento e legata ad una logica di profitto.
L’interesse verso il design, all’inizio coerente con l’impostazione artistica del MAC, con l’avvento dell’informale determinò una contraddizione interna che portò sia alla fine del gruppo, sia al mantenimento su di un piano superficiale del dibattito sul design.
Il contributo apportato dal MAC al design italiano si situa ad un livello culturale piuttosto che esplicitamente formale: il suo merito fu quello di aver contribuito ad aggiornare la cultura italiana su temi che a livello europeo avevano già fatto il loro corso.

Mostra/Nascondi contenuto.
Presentazione Presentazione Il presente studio si propone di offrire una lettura del Movimento Arte Concreta (MAC) che ponga in particolare evidenza gli interessi che vi si svilupparono relativamente al tema del design industriale. Il MAC si costituì a Milano nel 1948 per iniziativa di Gillo Dorfles, Gianni Monnet, Bruno Munari ed Atanasio Soldati, e nacque come gruppo di artisti gravitanti nell’orbita dell’astrattismo; si esaurì dieci anni più tardi, nel 1958: tali date segnano pertanto i limiti cronologici della ricerca. Trattandosi di un movimento, quindi formato da numerosi artisti, 1 ognuno con una diversa personalità, è risultato impossibile occuparsi dei singoli aderenti con la profondità che molti avrebbero meritato: il MAC è stato considerato soprattutto come gruppo, pur tenendo in considerazione le diverse posizioni che vi furono compresenti. Il Movimento Arte Concreta ebbe membri residenti in numerose città italiane ed intrattenne anche rapporti con artisti argentini e francesi, giungendo sino a fondersi, nel 1954, con il gruppo francese Espace; tuttavia Milano rimase la sede con cui continuò ad identificarsi durante tutto il corso della sua attività e fu soprattutto tra gli artisti del capoluogo lombardo che si sviluppò in maniera più significativa, grazie agli stimoli offerti dalla città, l’interesse nei confronti del design e della produzione industriale. Particolare attenzione è stata quindi rivolta all’esperienza del movimento svoltasi in area milanese, mentre di 1 Nel 1955 il MAC si componeva di ben settantaquattro membri, come risulta dall’elenco riportato a p.121 dei “Documenti d’arte d’oggi 1955/56”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Barone Contatta »

Composta da 274 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5687 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.