Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione in vivo e in vitro di microemulsioni lecitiniche per la veicolazione di celecoxib

Sono state preparate delle microemulsioni a base di lecitina per la veicolazione transdermica del Celecoxib. Le micoemulsioni sono state caratterizzate dal punto di vista dimensionale. Sono state valutate la capacità di inglobare il farmaco e la stabilità. E’ stata poi determinata la capacità di aumentare l’assorbimento transdermico del farmaco rispetto al controllo attraverso degli esperimenti in vitro, utilizzando delle celle di diffusione statiche di tipo Franz e campioni di pelle SCE, e attraverso esperimenti in vivo utilizzando, la spettrofotometria di riflettanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE Nell’ultimo decennio, nell’ambito della tecnologia farmaceutica è aumentato notevolmente l'interesse per i drug delivery systems. In particolare hanno suscitato una notevole attenzione le microemulsioni. Per definizione una microemulsione è un sistema limpido, trasparente, otticamente isotropo e termodinamicamente stabile, che si forma spontaneamente mescolando due liquidi non miscibili tra di loro, in genere acqua e olio, in presenza di un surfactante che stabilizza il film interfacciale. La bassa tensione interfacciale necessaria per la formazione spontanea delle microemulsioni si ottiene grazie all’aggiunta di cosurfactanti alla formulazione (Amorosa, 1995). Le microemulsioni sono superiori alle semplici soluzioni micellari, in termini di potenziale di solubilizzazione e, rispetto alle emulsioni, presentano una maggiore stabilità termodinamica

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Daniela Diega Adele Cutaia Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2076 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.