Skip to content

Misure a radiofrequenza per la verifica di conformità di terminali mobili GSM: aspetti normativi e nuove proposte

Informazioni tesi

  Autore: Paolo De Nictolis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Elettronica
  Relatore: Massimo D'apuzzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 412

Il sistema di comunicazione cellulare mobile europeo GSM (Global System for Mobile communications, sistema globale per comunicazioni mobili) ha sperimentato, nel corso degli Anni ’90, una sempre crescente, globale e vieppiù capillare diffusione.
La telefonia, aspetto a tutt’oggi predominante (anche se vari studi prevedono in anni non lontani l’inversione del rapporto traffico voce / traffico dati) e certamente più noto del sistema, ha favorito una progressiva “democratizzazione” del terminale mobile della rete GSM, il ben noto “telefonino”, passato nel giro di pochi anni da controverso “status symbol” a fenomeno di costume, tecnologia pervasiva così come strumento in grado di assestare nuove metodologie ed alcune volte nuove forme di lavoro. La tecnologia digitale su cui l’intero sistema si basa ha permesso una crescente integrazione con le reti di telecomunicazione esistenti, preparando il terreno alle due “rivoluzioni” prossime venture che introdurranno la commutazione a pacchetto e più elevate velocità di trasferimento dati: l’HSCSD (High-Speed Circuit-Switched Data service, servizio di trasmissione dati a commutazione di circuito e ad alta velocità) ed il GPRS (General Packet Radio Service). Un futuro non troppo lontano vedrà sul terminale mobile GSM, divenuto nel frattempo UMTS (Universal Mobile Telecommunication Service, servizio universale di telecomunicazioni mobili), le trasmissioni integrate voce/dati/video e la “navigazione” sul World Wide Web tramite protocolli di accesso alla Rete delle Reti appositamente progettati per sfruttare le pecurialità, in termini di mobilità e di velocità di trasferimento dati, dell’apparato.
L'attività svolta nel presente lavoro di Tesi è stata principalmente focalizzata su:

· identificazione di un set di misure a radiofrequenza per la verifica di conformità alle specifiche ETSI di un terminale mobile GSM;
· analisi delle soluzioni finalizzate allo scopo, in termini di strumentazione, algoritmi e procedure di misura attualmente disponibile sul mercato;
· definizione di criteri progettuali per la messa a punto di una stazione di misura capace di effettuare le misure sopra menzionate;
· proposta di un metodo numerico di misura alternativo.

Nel primo Capitolo sono stati identificati gli elementi costitutivi di una rete GSM, i servizi da essa offerti, il suo modus operandi, l’interfaccia radio, l’architettura di rete.
Nel secondo Capitolo è stata effettuata una classificazione della Normativa ETSI (European Telecommunication Standard Institute) riguardante il sistema GSM, onde identificare i sottinsiemi delle Specifiche riguardanti le varie componenti del sistema medesimo.
Nel terzo Capitolo, sulla scorta del sottinsieme di Specifiche riguardante le misure sul terminale mobile GSM, e di varie fonti citate in Bibliografia, è stato selezionato un set di misure a radiofrequenza atto a perpetrare la verifica di conformità, per poi definire un insieme di requisiti minimi che uno strumento di misura deve possedere onde poter effettuare tale verifica.
La definizione di tali requisiti ha permesso di selezionare, fra le proposte di varie Case Costruttrici, quegli strumenti atti ad effettuare il test, e di proporre un allestimento di un banco di misura: tale lavoro costituisce l’argomento del quarto Capitolo.
Un’analisi comparata di tali strumenti ha poi evidenziato come nessuno di essi sfruttasse, ai fini di ridurre tempi e costi delle misure e di incrementarne la qualità, l’intrinseca natura tempo/frequenza del segnale GSM: nel quinto Capitolo è stata perciò proposta una metodologia numerica di misura che ne facesse uso. L’uso di tale metodologia è limitata alla misura dell’errore di fase e frequenza di un trasmettitore GSM, ma può essere estesa a varie altre misure. E’ stato proposto ed implementato nel linguaggio di programmazione del simulatore Matlab® della Matlab un algoritmo per effettuare tale misura;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I INTRODUZIONE Il sistema di comunicazione cellulare mobile europeo GSM (Global System for Mobile communications, sistema globale per comunicazioni mobili) ha sperimentato, nel corso degli Anni ’90, una sempre crescente, globale e vieppiù capillare diffusione. La telefonia, aspetto a tutt’oggi predominante (anche se vari studi prevedono in anni non lontani l’inversione del rapporto traffico voce / traffico dati) e certamente più noto del sistema, ha favorito una progressiva “democratizzazione” del terminale mobile della rete GSM, il ben noto “telefonino”, passato nel giro di pochi anni da controverso “status symbol” a fenomeno di costume, tecnologia pervasiva così come strumento in grado di assestare nuove metodologie ed alcune volte nuove forme di lavoro. La tecnologia digitale su cui l’intero sistema si basa ha permesso una crescente integrazione con le reti di telecomunicazione esistenti, preparando il terreno alle due “rivoluzioni” prossime venture che introdurranno la commutazione a pacchetto e più elevate velocità di trasferimento dati: l’HSCSD (High-Speed Circuit-Switched Data service, servizio di trasmissione dati a commutazione di circuito e ad alta velocità) ed il GPRS (General Packet Radio Service). Un futuro non troppo lontano vedrà sul terminale mobile GSM, divenuto nel frattempo UMTS (Universal Mobile Telecommunication Service, servizio universale di telecomunicazioni mobili), le trasmissioni integrate voce/dati/video e la “navigazione” sul World Wide Web tramite protocolli di accesso alla Rete delle Reti appositamente progettati per sfruttare le pecurialità, in termini di mobilità e di velocità di trasferimento dati, dell’apparato. L'attività svolta nel presente lavoro di Tesi è stata principalmente focalizzata su:

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etsi
gprs
gsm
hscsd
matlab
radiofrequenza
rediofrequenze
umts

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi