Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I danni subiti dal sistema produttivo in un'area di intervento di una forza di pace dopo una situazione di emergenza provocata da un conflitto tra gruppi diversi della popolazione residente

Si tratta di un’analisi economica inerente le alterazioni del sistema produttivo in aree interessate da eventi bellici inter-etnici. L’argomento è di particolare attualità in riferimento ai conflitti sviluppatisi nell’area balcanica ed alle ripercussioni economiche subite dalle nazioni coinvolte e dall’intera area geografica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 L’ECONOMIA D’EMERGENZA Il tema proposto ci permette di concentrare l’attenzione sulla disamina dei danni subiti dal sistema produttivo nell’ottica di un conflitto tribale; tale scenario risulta essere in linea con quanto accaduto in diverse parti del mondo negli ultimi anni. Questa particolare fattispecie di conflitti scaturisce, in massima parte, da quei fenomeni noti con il termine di “balcanizzazione” o “somalizzazione”; con il primo intendiamo una situazione politico-sociale in cui l’Autorità centrale è incapace di gestire, se non addirittura ne è fomentatrice, le forti spinte nazionaliste e separatiste all’interno dello Stato. Il secondo termine presuppone, di contro, l’assenza di un’Autorità centrale o quantomeno la difficile identificazione della stessa. Mi sembra pleonastico sottolineare che i due neologismi prendono le mosse dai

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Mario Masdea Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 709 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.