Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Torino: la stampa racconta l'operetta

Il presente studio vuol essere un piccolo contributo ad un genere di teatro musicale minore, qual è l’operetta, in particolar modo quella italiana. Un genere di teatro comico, brillante, chiamato in Italia anche Piccola Lirica o Lirica Leggera, spesso guardato con sospetto e pregiudizio dalla “Cultura” e dal “Teatro Maggiore”, per la sua dichiarata frivolezza, per essere una sorta di fiaba musicale dove il divertimento e la distensione sono i suoi principali obiettivi. Un teatro minore che ha saputo coinvolgere e conquistare nel giro di pochi anni, tra il 1910 e il 1930, le affollate platee dei maggiori teatri italiani, appassionando ed entusiasmando sempre più un crescente numero di pubblico.
Attraverso una selezione di articoli, recensioni e interviste contenute nei principali quotidiani dell’epoca, quali LA STAMPA e la GAZZETTA DEL POPOLO, il nostro lavoro vuol essere una sorta di panoramica del mondo teatrale operettistico della città di Torino. Uno scenario storico-culturale del modo di intendere questa particolare forma di teatro, il gusto e le preferenze del suo pubblico. Una vera e propria rassegna stampa storica della produzione operettistica italiana dell’epoca d’oro torinese.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente saggio vuol essere un piccolo contributo ad un genere di teatro musicale minore, qual è il teatro operettistico italiano, e in particolar modo, quello torinese. Un genere di teatro comico, brillante, chiamato in Italia anche «Piccola Lirica» o «Lirica Leggera». Spesso guardato con sospetto e pregiudizio dalla Cultura e dal Teatro Maggiore, per la sua dichiarata frivolezza, per essere una sorta di fiaba musicale dove il divertimento e la distensione sono i suoi principali obbiettivi. Un teatro minore che ha saputo coinvolgere e conquistare, nel giro di pochi anni (1910-1930), le affollate platee dei maggiori teatri italiani, appassionando ed entusiasmando sempre più un crescente numero di pubblico. Il nostro lavoro è strutturato in due parti principali. La prima vuol fornire alcuni dati fondamentali utili alla conoscenza del genere: informazioni a carattere generale, origini storiche e un breve cenno all'operetta francese e a quella viennese che tanta importanza hanno avuto per la nascita e lo sviluppo dell'operetta italiana. La seconda parte, arricchita da stralci di articoli, recensioni e interviste d'epoca relative alla scena torinese, è interamente dedicata alla piccola lirica italiana: storia, struttura, produzioni e principali compositori. Uno dei principali obbiettivi del nostro lavoro di ricerca è stato quello di scoprire e documentare se, anche nella nostra città, l'operetta, durante il periodo di massimo splendore, godeva della stessa grande popolarità, dello stesso considerevole successo di pubblico e di critica, che riscontrava contemporaneamente negli altri centri italiani come Milano, Napoli o Roma. Varie sono state le domande formulate a tal proposito quali informazioni sul pubblico, ovvero che tipologie di persone frequentavano il teatro d'operetta, quali i loro atteggiamenti, con quale modalità partecipavano all'evento. Quali erano le sale o i teatri cittadini che ospitavano rappresentazioni operettistiche: se si trattava di teatri specializzati nel genere o se si usava alternare negli stessi spazi altre forme di

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberto Piano Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3772 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.