Skip to content

La crisi in Kosovo e le relazioni russo-statunitensi 1998-1999

Informazioni tesi

  Autore: Davide Deiana
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Liliana Saiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

La crisi in Kosovo rappresentò un importante banco di prova per le relazioni russo-statunitensi, che si deteriorarono pericolosamente a causa dell’intervento militare dell’Alleanza Atlantica nella ex-Yugoslavia. La campagna aerea della NATO, infatti, provocò l’astiosa reazione delle autorità di Mosca, determinando, da un lato, l’adozione di una serie di misure ritorsive, e dall’altro, il riemergere dell’antica retorica antiamericana dei tempi della Guerra Fredda. Tuttavia, le minacciose dichiarazioni dei leader russi, primo fra tutti il presidente Boris Yeltsin, furono immancabilmente seguite da smentite e rassicurazioni circa la volontà di Mosca di “non lasciarsi coinvolgere militarmente” nel conflitto. Ciò non significa che alcuni eventi - quali l’invio nel Mar Adriatico della nave spia Liman e il presunto ordine di Yeltsin sul puntamento delle testate nucleari russe contro i paesi della NATO - non suscitassero l’infastidita e preoccupata reazione dell’amministrazione statunitense.

Mosca e Washington, in ogni caso, tentarono di trovare un modus vivendi, a dispetto delle aspre divergenze sul Kosovo. Entrambe le parti, infatti, riconobbero ben presto “l’importanza delle relazioni reciproche” e la necessità di “ripristinare una cooperazione costruttiva” nei più svariati campi. La Russia, inoltre, era priva della forza militare per contrastare la NATO e gli Stati Uniti, e non voleva che i suoi legami con il mondo occidentale fossero messi a repentaglio a causa dell’intransigenza di Milosevic. A questo proposito, è necessario sottolineare che l’intervento dell’Alleanza Atlantica nei Balcani coincise con una fase difficilissima delle trattative di Mosca con l’IMF, la massima istituzione finanziaria internazionale. In sostanza, la politica del Cremlino durante il conflitto del Kosovo fu condizionata, in misura decisiva, dalla disastrosa situazione economica del paese. L’assoluta necessità della continua assistenza finanziaria dell’IMF - su cui Washington esercitava un’influenza tutt’altro che trascurabile - spinse la Russia a reclamare il ruolo di mediatore nella crisi yugoslava, contribuendo così alla sua soluzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Lo scopo di questo studio è analizzare le relazioni russo-statunitensi nel corso della crisi in Kosovo (1998-1999), con una speciale enfasi sui rapporti tra Mosca e Washington durante la campagna aerea della NATO contro la Repubblica Federale di Yugoslavia (24 marzo-20 giugno 1999). Data l’attualità dell’argomento, la ricerca si è basata sulla copiosa documentazione ufficiale disponibile al pubblico. In particolare, si è rivelata di fondamentale importanza l’opera di Philip e David Auerswald, un’imponente antologia documentaria sul conflitto in Kosovo1. Inoltre, l’accesso alla rete Internet ha reso possibile la consultazione dei principali siti governativi e non-governativi, tra cui si segnalano, per completezza e rilevanza, quelli del Dipartimento di Stato americano2 e della Federation of American Scientists3. Ai fini del presente studio, sono state utilizzate anche diverse monografie4, e numerosi articoli e saggi tratti da riviste scientifiche, quotidiani e agenzie di stampa5. Infine, avvalendosi di un aiuto alla mobilità nell’ambito del programma Socrates/Erasmus, la ricerca è stata approfondita presso l’Università del Galles ad Aberystwyth e la National Library of Wales, una delle cinque Copyright Libraries6 del Regno Unito, nonché centro di documentazione ufficiale dell’ONU e dell’OSCE. Il primo capitolo si apre con una breve presentazione della questione del Kosovo- dalla perdita dell’autonomia, nel 1989, all’insorgere della crisi, nel marzo del 1998. L’analisi si concentrerà, quindi, sulla reazione della comunità internazionale, ricostruendo gli sforzi diplomatici del Gruppo di Contatto per la ex-Yugoslavia, all’interno del quale iniziò a delinearsi la contrapposizione tra Russia e Stati Uniti. Allo stesso tempo, sarà esaminato il crescente coinvolgimento della NATO nella regione balcanica, preteso da Washington e osteggiato da Mosca. Le pressioni militari 1 Auerswald, Philip E. & Auerswald, David P. (eds.), The Kosovo Conflict: A Diplomatic History Through Documents, Kluwer Law International, Cambridge/The Hague 2000 [avanti: The Kosovo Conflict]. 2 http://www.state.gov. 3 http://www.fas.org. 4 Vedi ad esempio: Daalder, Ivo H. & O’Hanlon, Michael E., Winning Ugly: NATO’s War to Save Kosovo, Brookings Institution Press, Washington D.C. 2000; Malcolm, N., Storia del Kosovo. Dalle origini ai giorni nostri, Bomp iani, Milano 1999. 5 Vedi ad esempio: Caplan, R., “International diplomacy and the crisis in Kosovo”, International Affairs, Vol. 74 (1998), No. 4, pp. 745-61; Levitin, O., “Inside Moscow’s Kosovo Muddle”, Survival, Vol. 42 (2000), No. 1, pp. 130-140; Roberts, A., “NATO’s ‘Humanitarian War’ over Kosovo”, Survival, Vol. 41 (1999), No. 3, pp. 102-123. 6 Il termine Copyright Library indica una biblioteca che ha il diritto di ricevere almeno una copia di ogni testo pubblicato nel Regno Unito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi