Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interpretazioni dello sciamanismo: S.M. Shirokogoroff e E. de Martino

La tesi è una riflessione su alcuni testi di Ernesto de Martino e S. M. Shirokogoroff inerenti lo sciamanismo.
Dalla lettura delle opere dei due autori sono risultate, ad un primo livello, la costruzione del profilo teorico e la collocazione storica dello studioso russo S. M. Shirokogoroff, autore indebitamente oscurato e omesso dalle attenzioni degli accademici, non solo italiani; ad un secondo livello, la definizione della realtà storico-culturale delle popolazioni tunguse: più esattamente della realtà dello sciamanismo tunguso prima e del mondo magico demartiniano dopo.
L’interesse verso Shirokogoroff è nato in seguito alla lettura de Il mondo magico, opera del 1948 di E. de Martino, nelle cui pagine l’etnografo russo costituisce uno stimolante interlocutore per de Martino che a lui si rivolgerà, più volte e argutamente, per avvalorare le proprie tesi sul magismo etnologico e sullo sciamanismo.
Dei lavori di Shirokogoroff è stato scelto Psychomental Complex of the Tungus del 1935, poiché questo è il testo che de Martino legge e quindi citerà, sia nel libro del ’48 sia nei due articoli Recensione a S. M. Shirokogoroff e Percezione extrasensoriale e magismo etnologico che, insieme a Il mondo magico, sono analizzati.
Questa tesi è quindi lo studio di due autori, affrontato a partire dalla scelta di un angolo prospettico preciso: le interpretazioni dello sciamanismo che questi hanno elaborato.
È evidenziato il ruolo determinante che de Martino ha avuto nella rivalutazione, se non addirittura nella scoperta, di un testo come Psychomental Complex of the Tungus e di un autore, Shirokogoroff, di grande spessore teorico e scientifico, estremamente sensibile a tematiche che solo recentemente hanno investito le discipline antropologiche.
Ma la riflessione si inoltra anche in ambiti che travalicano lo sciamanismo perché molte sono le affinità tra i due autori: ad esempio una comune sensibilità per la riflessione epistemologia e per una visione etica dell’etnologia intesa come azione civile oltre che scientifica.
Sia de Martino che Shirokogoroff si impegnano nella rivalutazione del mondo della magia, dello sciamanismo, delle popolazioni “primitive”, di quel passato arcaico e di quel tempo presente, ma ancora “arretrato”, comunemente giudicati “brutali” ed enigmatici. Entrambi rivendicano la “normalità”, l’“organicità” di queste realtà entro i confini dei contesti storico-culturali di appartenenza.
Il valore forse più grande dei due etnologi è a nostro parere, l’aver saputo restituire dignità e profondità a fenomeni e popoli spesso illegittimamente espulsi dal piano della storia e della rilevanza scientifica.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “rigenerare nel pensiero”, mondi ed esperienze culturali quanto più possibile distanti, stati d’una coscienza comune dimenticati, superati, inaccessibili. In molti casi dar ragione di quel che di norma sfugge, elude, o si ribella alla ragione, o magari vi rinuncia o si rifiuta. 1 L’immagine dell’etnologia, dei problemi e dei compiti costitutivi della disciplina, delineata da Pier Giorgio Solinas sembra anticipare, almeno in parte, la natura della nostra riflessione e i suoi obiettivi. Vediamo allora con maggiore precisione cosa avvicina la suddetta citazione al nostro scritto. Innanzitutto diremo che, il presente lavoro costituisce una riflessione intorno a due autori, Ernesto de Martino e S. M. Shirokogoroff; una riflessione evidentemente parziale, che nasce dalla lettura di alcune loro pagine, quelle inerenti lo sciamanismo e il magismo etnologico. A strutturare il nostro lavoro è perciò l’interesse per le opere di questi due studiosi che tanto hanno contribuito, pur in modi diversi, all’avanzamento degli studi etnologici (vedremo in seguito la natura del loro contributo). 1 Solinas, Pier Giorgio, “Rigenerare mentalmente le pretese umane: l’etnologia e le identità inaccessibili”, in Gallini, C., e Massenzio, M., (a cura di), Ernesto de Martino nella cultura europea, Napoli, Liguori Editore, 1997, p. 303.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Tania Rossi Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3486 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.