Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione dei servizi pubblici e i problemi di accesso alle reti

Le telecomunicazioni, il gas naturale, l'elettricità, il trasporto ferroviario, l'erogazione dell'acqua sono servizi di pubblica utilità caratterizzati dalla presenza di una rete. Tali servizi, storicamente monopoli naturali, hanno subito, nella loro gestione, profonde trasformazioni. Il presente lavoro analizza questi cambiamenti sul piano analitico e sul piano pratico con l'analisi del settore italiano delle telecomunicazioni e del gas naturale...

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Le telecomunicazioni, il gas, l�elettricit�, il trasporto ferroviario e l�erogazione dell�acqua sono servizi di pubblica utilit� caratterizzati dalla presenza di una rete. Tali servizi sono storicamente associati alle condizioni di monopolio naturale derivanti dall�utilizzo delle reti, infrastrutture necessarie, la cui duplicazione � impossibile o inefficiente. La rilevanza socioeconomica dei servizi, i �fallimenti del mercato�, riconducibili alla presenza del monopolio naturale, di asimmetrie informative e di esternalit�, hanno, in passato, giustificato l�intervento dello Stato nelle diverse industrie attraverso l�impresa pubblica (scelta prevalentemente europea) oppure attraverso l�impresa privata regolamentata (scelta americana). Le imprese pubbliche o private in possesso della rete estendevano il proprio potere dominante di mercato a tutta la filiera produttiva, nonostante in alcuni stadi della stessa l�ingresso di nuovi concorrenti fosse possibile. Venivano perci� riconosciuti monopoli legali o di fatto e considerato inapplicabile un modello diverso da quello del fornitore unico verticalmente integrato. Negli ultimi vent�anni, prima negli Stati Uniti poi in Europa, si � avviato un processo di ristrutturazione e deregolamentazione al fine di favorire, nei settori delle public utilities, lo sviluppo di nuovi meccanismi competitivi. In passato, la mancanza di un confronto fra una pluralit� di operatori ha causato inefficienze, ha fatto mancare ogni stimolo alla concorrenza, al miglioramento della qualit� delle prestazioni ed al contenimento dei costi. Da queste considerazioni, dal cambiamento tecnologico e dallo sviluppo della domanda che hanno modificato le condizioni di costo, � emersa l�esigenza di aprire il mercato alla concorrenza, pur nella consapevolezza che il carattere monopolistico di determinati servizi � connaturato con la loro stessa modalit� di produzione. Nell�esperienza europea, la liberalizzazione del mercato � stata associata alla privatizzazione delle imprese pubbliche ed al conseguente mutamento del ruolo dello Stato nell�economia; quest�ultimo, ha abbandonato gli obiettivi di politica economica perseguiti attraverso la gestione di tali settori (sostegno all�occupazione, controllo dell�inflazione ecc.) e si � occupato della regolamentazione dell�impresa privata. Nonostante i modelli concorrenziali non richiedano per la loro funzionalit� un particolare assetto proprietario, la privatizzazione, ha in ogni caso, migliorato

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Giacometti Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4871 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.