Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Globalizzazione e nuove forme di partecipazione. La comunicazione via Internet del movimento noglobal torinese.

Globalizzazione e nuove forme di partecipazione. La comunicazione via Internet del movimento noglobal torinese.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Questa tesi nasce dal nostro interesse per l’impatto che le nuove tecnologie hanno sulle forme di comunicazione e di partecipazione sperimentate dai nuovi movimenti. Il principale oggetto di studio è il movimento antiglobalizzazione dell’area torinese, in particolare il Torino Social Forum e altre realtà che vi aderiscono. Con il primo capitolo apriamo il discorso con le molteplici definizioni di globalizzazione elaborate in vari ambiti disciplinari, per dar conto delle trasformazioni che interessano le società contemporanee. Quello che cercheremo di fare all’interno di questo capitolo consiste nel mostrare come in realtà i processi di globalizzazione contengano necessariamente quegli stessi elementi che consentono di contrastarli e di ridefinirne gli esiti. Dopo aver individuato le origini del termine, rifacendoci alle tesi di Held e McGrew (2001), illustreremo le questioni più significative, dal nostro punto di vista, dell’attuale dibattito culturale che vede fronteggiarsi gli scettici, coloro che considerano la globalizzazione una mera costruzione ideologica, ai globalisti, gli intellettuali e gli uomini di politica che la ritengono, invece, un processo storico naturale e perciò dagli effetti incontenibili. I primi nei loro studi non riscontrano gli effetti redistributivi che il processo di globalizzazione dovrebbe produrre, ritenendolo un mito costruito per giustificare e legittimare il progetto neoliberista; mentre i secondi vedono la globalizzazione come un fenomeno inevitabile, non modificabile e foriero di benessere e abbondanza per tutti. Naturalmente tale bipartizione è stata effettuata per esigenze analitiche. Siamo consapevoli che all’interno dei due gruppi sono presenti atteggiamenti e sfumature assai differenti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eleonora Anello Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2463 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.