Skip to content

Studio e analisi delle problematiche di sicurezza del routing di IPv6

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Giacometti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Emilia Rosti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

L’Internet Protocol (IP) è alla base dell’architettura di Internet. L’attuale versione, quattro, standardizzata nel 1981, risulta ormai insufficiente rispetto all’enorme sviluppo della Rete e le sue attuali esigenze. Per questo motivo è imminente l’introduzione della nuova versione, IPv6, che introduce importanti novità anche nell’ottica, ormai probabile, di una convergenza su IP come protocollo unico per ogni dispositivo di comunicazione.
IPv6 nasce con l’idea di ottimizzare le prestazioni dei router, e per questo è stato introdotto il concetto di gerarchia di indirizzamento, cioè come i centralini telefonici smistano le chiamate sulla base del prefisso e dell’identificativo della località, così in IPv6 i pacchetti sono instradati analizzando solo una parte dell’indirizzo per volta. Questa caratteristica, unita all’assegnazione degli indirizzi (più precisamente dei “prefissi”) su base geografica migliorerà nettamente le prestazioni dei router ed eliminerà il problema dell’esplosione delle tabelle di instradamento.
Il routing in IPv6 è suddiviso in 3 categorie: Local Routing, Interior Routing ed Exterior Routing. Con il termine Interior Routing si intendono le operazioni di instradamento di pacchetti fra router appartenenti alla stessa organizzazione, mentre l’Exterior Routing è il vero routing di Internet ossia l’instradamento del traffico sulle dorsali della Rete.
Con il termine Local Routing in IPv6 si intendono quelle operazioni tramite le quali un nodo rileva se il destinatario del traffico si trova sulla sua sottorete (è un “vicino”) oppure se i pacchetti devono essere inoltrati a un router (gateway) che si occuperà dell’instradamento opportuno. Di queste e altre operazioni si occupa il protocollo Neighbor Discovery, che garantisce i meccanismi di autoconfigurazione degli host.
La tesi si è svolta nell’ambito del progetto 6NET del GARR che si propone di implementare un testbed nativo IPv6 a livello italiano per la sperimentazione del nuovo protocollo e verificare i problemi di transizione. L’Università partecipa al progetto occupandosi della parte relativa al testing della sicurezza e per questo è stata approntata una sottorete IPv6 che collega il Dipartimento di Scienze dell’Informazione con la Divisione Telecomunicazioni e da qui verso 6NET. I test si sono quindi svolti nelle sedi di via Comelico e Colombo.
In particolare nell’analisi delle problematiche di sicurezza del routing ci si è concentrati sul Local Routing, dove abbiamo rilevato come i meccanismi di autoconfigurazione degli indirizzi e dei “cammini” presentino i maggiori problemi di sicurezza.
Infatti il protocollo ND tramite pacchetti ICMP permette ai router di diffondere informazioni di raggiungibilità con le quali gli host presenti sulla sottorete costruiscono le proprie tabelle di instradamento.
Al fine di testare la sicurezza del protocollo abbiamo sviluppato alcuni programmi che ci hanno permesso di forgiare pacchetti ICMP per diffondere false informazioni di raggiungibilità e abbiamo verificato come sia facilmente possibile dirottare il traffico di una sottorete per compiere attacchi di tipo DoS o “man-in-the-middle” senza dover usare tecniche di ARP Poisoning.
Diventa quindi fondamentale per la validazione di ogni messaggio di “controllo” presente sulla rete l’uso di IPSec, l’estensione di IPv4 che offre funzionalità di autenticazione e confidenzialità dei messaggi, implementata nativamente in IPv6 e in questo ambiente disponibile pienamente nelle sue funzionalità.
Abbiamo inoltre analizzato la struttura dell’header IPv6 e delle sue estensioni (extension header) e in particolar modo su quella denominata Routing Header (RH) che svolge in IPv6 le funzionalità di Source Routing presenti in IPv4. Abbiamo riscontrato come questo header unito ad un’ambiguità nella specifica del protocollo introduca un problema di sicurezza. Tramite questa estensione il mittente specifica i nodi che il pacchetto deve attraversare nel suo percorso verso la destinazione. La specifica definisce “nodo” un qualsiasi apparato che implementi lo stack IPv6, quindi non solo i router, e prescrive che tutti i nodi debbano poter processare un Routing Header. Poichè la struttura del RH porta ad una variazione del indirizzo destinazione durante l’instradamento dei pacchetti, è possibile utilizzarlo per eludere la presenza di Access Control List (ACL) che “nascondano” un host, se un suo “vicino” è visibile. Allo stesso modo è possibile evitare i firewall e tutti i dispositivi di controllo che basino le loro regole solo sugli indirizzi sorgente e destinazione (senza controllare la presenza di eventuali RH).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’Internet Protocol (IP) è alla base dell’architettura di Internet. L’attuale versione, quattro, standardizzata nel 1981, risulta ormai insufficiente rispetto all’enorme sviluppo della Rete e le sue attuali esigenze. Per questo motivo è imminente l’introduzione della nuova versione, IPv6, che introduce importanti novità anche nell’ottica, ormai probabile, di una convergenza su IP come protocollo unico per ogni dispositivo di comunicazione. Una delle motivazioni principali che inducono ad abbandonare IPv4 è la necessità di ampliare lo spazio di indirizzamento. Infatti l’attuale versione del protocollo prevede indirizzi a 32 bit, per un totale di circa 4 miliardi di indirizzi, numero insufficiente tenuto conto dell’evoluzione della Rete a livello mondiale e dell’adozione da parte dei sistemi di comunicazione mobile del protocollo IP. IPv6 estende lo spazio di indirizzamento a 128 bit, garantendo la disponibilità di qualche migliaio di indirizzi per ogni metro quadrato di superficie terrestre. Un altro serio problema di IPv4 è la mancanza di un indirizzamento gerarchico e geografico, cioè non è possibile stabilire nessuna relazione tra l’indirizzo di un host o sottorete e la sua posizione geografica. Ciò ha come effetto l’esplosione delle tabelle di instradamento dei router posizionati sulle dorsali di Internet che devono tenere traccia delle informazioni di routing (instradamento) delle varie sottoreti anche se condividono parti dell’indirizzo. Questo problema è stato in parte mitigato dall’introduzione del Network Address Translation e del Classless InterDomain Routing. IPv6 nasce con l’idea di ottimizzare le prestazioni dei router, e per questo è stato introdotto il concetto di gerarchia di indirizzamento, cioè come i centralini telefonici smistano le chiamate sulla base del prefisso e dell’identificativo della località, così in IPv6 i pacchetti sono instradati analizzando solo una parte dell’indirizzo per volta. Questa caratteristica, unita all’assegnazione degli indirizzi (più precisamente dei “prefissi”) su base geografica migliorerà nettamente le prestazioni dei router ed eliminerà il problema dell’esplosione delle tabelle di instradamento. Il routing in IPv6 è suddiviso in 3 categorie: Local Routing, Interior Routing ed Exterior Routing. Con il termine Interior Routing si intendono le operazioni di instradamento di pacchetti fra router appartenenti alla stessa organizzazione, mentre l’Exterior Routing è il vero routing di Internet ossia l’instradamento del traffico sulle dorsali della Rete. Con il termine Local Routing in IPv6 si intendono quelle operazioni tramite le quali un nodo rileva se il destinatario del traffico si trova sulla sua sottorete (è un “vicino”) oppure se i pacchetti devono essere inoltrati a un router (gateway) che si occuperà dell’instradamento opportuno. Di queste e altre operazioni si occupa il protocollo Neighbor Discovery, che garantisce i meccanismi di autoconfigurazione degli host. La tesi si è svolta nell’ambito del progetto 6NET del GARR che si propone di implementare un testbed nativo IPv6 a livello italiano per la sperimentazione del nuovo protocollo e verificare i problemi di transizione. L’Università partecipa al progetto occupandosi della parte relativa al testing della sicurezza e per questo è stata approntata una sottorete IPv6 che collega il Dipartimento di Scienze dell’Informazione con la Divisione Telecomunicazioni e da qui verso 6NET. I test si sono quindi svolti nelle sedi di via Comelico e Colombo. In particolare nell’analisi delle problematiche di sicurezza del routing ci si è concentrati sul Local Routing, dove abbiamo rilevato come i meccanismi di autoconfigurazione degli indirizzi e dei “cammini” presentino i maggiori problemi di sicurezza. Infatti il protocollo ND tramite pacchetti ICMP permette ai router di diffondere informazioni di raggiungibilità con le quali gli host presenti sulla sottorete costruiscono le proprie tabelle di instradamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ipv6
sicurezza informatica
internet
protocolli di rete

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi