Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'amministrazione delegata

Nella società per azioni la delega di potere amministrativo ha assunto nel corso del tempo un’importanza crescente soprattutto nell’ambito della grande impresa.
La legge disciplina l’istituto della delega di potere amministrativo nell’articolo 2381 cod. civ.; ulteriori riferimenti sono contenuti negli artt. 2389 cod. civ., 2405 cod. civ. e 2421 n. 6 cod. civ.
Per il resto il legislatore sembra aver lasciato ampia libertà rendendo in tal modo lo strumento della delega assai flessibile e adattabile, nel rispetto del minimum di poteri non delegabili per legge, alle esigenze di funzionalità e di efficienza amministrativa della realtà societaria.
Scopo della presente ricerca sarà di analizzare i presupposti dell’istituto, l’ambito delegabile e la disciplina degli organi delegati.
Capitolo a parte sarà dedicato allo studio della responsabilità in presenza di amministrazione delegata: la massima libertà riconosciuta all’organo delegante, nel commisurare i termini della delega alle esigenze concrete, e il conseguente ampio potere attribuibile ai delegati trovano, infatti, un coerente contrappeso nella responsabilità diretta dell’organo cui viene affidata l’amministrazione e nella responsabilità indiretta degli amministratori non delegati per i doveri di vigilanza e di intervento.
L’analisi si concluderà, infine, con una breve analisi, de iure condendo, della recente riforma del diritto societario (ancora all’esame del Parlamento) relativamente alla disciplina degli organi delegati e ai rapporti con il consiglio di amministrazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo Primo LA DELEGA DI POTERE AMMINISTRATIVO Sommario: - SEZIONE I - 1. L’evoluzione storica della disciplina della delega. - 2. Le funzioni della delega di potere amministrativo. - 3. La natura giuridica del rapporto di delega. - SEZIONE II - 4. Il conferimento della delega. - 4.1. L’atto di autorizzazione. - 4.2. L’atto di delega. - 4.3. L’accettazione della delega. - 5. I vizi nel conferimento della delega. - 6. Le clausole derogatorie alla disciplina costitutiva. - 7. Le deleghe interne o atipiche. - 8. Cessazione e revoca della delega. - 9. Revoca dei delegati senza giusta causa. SEZIONE I 1. L’evoluzione storica della disciplina della delega Lo studio storico della disciplina della delega di potere amministrativo all’interno della società per azioni consente di cogliere l’evoluzione degli organi delegati, da organi meramente esecutivi in organi direttivi 1 . Già nel corso dell’800 la pratica diffusa di attribuire ad un singolo amministratore, anziché ad un direttore esterno al consiglio, il compito di eseguire le deliberazioni consiliari aveva spinto il legislatore a disciplinare i presupposti e gli effetti della delega ancor prima dell’ambito delegabile. L’art. 138 del codice di commercio del 1865 disponeva che “Gli amministratori non possono cedere né delegare ad altri l’amministrazione senza il 1 Cagnasso, Gli organi delegati nelle società per azioni, Torino, 1976, p. 10 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Bonelli Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3252 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.