Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione di tematismi in un modello tridimensionale urbano

Sviluppo di un modello tridimensionale urbano della città di Ancona, visualizzabile attraverso browser con plugin VRML, gestione di tematismi nella terza dimensione, possibilità di interrogare gli oggetti (edifici) attraverso query in ASP e visualizzare informazioni associate ad essi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE Uno degli aspetti fondamentali riguardo lo sviluppo di un 3Dgis in ambito urbano, è quello di fornire uno strumento in grado non soltanto di visualizzare staticamente uno scenario virtuale, ma soprattutto poter interagire con esso integrando la possibilità da parte dell’utente di interrogare gli oggetti rappresentati, allo scopo di aumentare il contenuto informativo del modello. A causa della complessità che un sistema di questo tipo può avere, come: la diversità dell’informazione degli attributi, la grande quantità di dati, l’interrogabilità attraverso query, la complessità della geometria, la visualizzazione di tematismi etc; è ancora in fase di studio uno strumento standard definitivo che integri completamente tutto questo. Tuttavia una possibile soluzione è rappresentata dal linguaggio VRML sviluppato nel 1996 per visualizzare dati in ambiente 3D sul Web. Scopo del presente documento è descrivere come realizzare dei tematismi in ambito 3D, utilizzando come fonte dati l’area del centro storico di Ancona, già utilizzata in un’altra tesi di studio, dagli studenti Francesco Corte e Derna Deffendi, dal titolo “La terza dimensione nei GIS realizzazione di un modello tridimensionale in ambito urbano” .

Laurea liv.I

Facoltà: Pianificazione del Territorio

Autore: Damiano Salazzari Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1017 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.