Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Altiero Spinelli: una prospettiva storiografica

L'azione e la storia umana e politica di Altiero Spinelli, dall'adesione al Partito dei Comunisti d'Italia fino alle battaglie per la federazione europea vista da molteplici punti di vista grazie al giudizio in sede storiografica.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE A sedici anni dalla scomparsa di Altiero Spinelli, avvenuta il 23 maggio 1986, si rende necessaria una ricerca e una valutazione sulla produzione storiografica avente come oggetto il leader federalista italiano per molteplici e interessanti motivi. Innanzi tutto, non ci si può avvicinare alla figura di Spinelli senza rimanere profondamente colpiti dalla sua persona, dal suo lucido vigore intellettuale, dal suo carattere, dal modo di interpretare la lotta e l’azione politica; è una nuova figura di intellettuale politico che, unendo saggiamente l’azione diretta alla riflessione politica, ha inciso profondamente nella vita europea del dopoguerra, diventando punto di riferimento per tutti i federalisti europei e utile consigliere per quei politici che seppero cavalcare e sfruttare le idee potenzialmente rivoluzionarie e nuove che egli proponeva, alludiamo a Parri, De Gasperi, Nenni ed Enrico Berlinguer. Dal “Manifesto per un’Europea libera ed unita” steso durante il confino presso l’isola di Ventotene grazie al prezioso contributo intellettuale di Eugenio Colorni ed Ernesto Rossi e organizzativo di Ursula Hirschmann, la vita e l’azione politica di Spinelli risultano costellate maggiormente da insuccessi o da magre vittorie, dalle quali egli riusciva sempre a trarre spunto per la nuova battaglia che si accingeva a compiere. Immediato è il paragone che lo stesso Spinelli propone come chiave di lettura della sua azione, con “Il Vecchio e il Mare” di Hemingway in cui si parla di un vecchio pescatore che, dopo aver pescato il pesce più grosso della sua vita, tenta di portarlo a riva. Ma i pescecani a poco a poco lo divorano, e quando egli arriva in porto gli rimane solo la lisca. Volendo proseguire immaginariamente il paragone, è indubbiamente vero che Spinelli arrivò in porto solamente con la lisca, ma è altrettanto vero

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimo Piermattei Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2633 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.