Skip to content

Impiego di compost da verde e F.O.R.S.U. su mais (Zea mais L.): prove di campo

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Bottelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Pierluigi Genevini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

Il decreto legislativo Ronchi, n° 22 del 1997 disegna il quadro normativo di riferimento in materia di gestione dei rifiuti e stabilisce gli obiettivi di intercettazione della frazione organica di scarto: 15 % nel 1999; 25 % nel 2001 e 35 % nel 2003.
Il compostaggio, nell’ambito del decreto Ronchi, permette la valorizzazione di questi rifiuti. Da analisi di mercato riguardo la destinazione del compost in pieno campo, si evince come la totalità di produzione di compost verde e da F.O.R.S.U., in Italia, copra solamente l’1,2 % della superficie coltivabile e tradizionalmente fertilizzata.
Scopo della tesi, al primo anno di sperimentazione, è lo studio dell’effetto dell’interramento di compost maturo, a dosi differenti, sulle caratteristiche chimico-fisiche di suoli agrari e le risposte di crescita delle piante di mais.
La prova sperimentale è stata effettuata comparando due parcelle nude (testimoni), due parcelle con compost a dose di mantenimento (500 q/ha) e due parcelle con dose di arricchimento (850 q/ha). I campioni di terreno sono stati prelevati:

· sul suolo nudo l’8 maggio 2000;
· dopo interramento del compost e semina del mais (30 maggio);
· alla raccolta del mais (20 ottobre).

Dai risultati, riguardo le proprietà chimico-fisiche del suolo, è emerso come, in seguito a interramento di compost, siano aumentate, alla dose di arricchimento, le concentrazioni di sostanza organica (azione ammendante), il pH, le concentrazioni dell’azoto, di fosforo e dei cationi scambiabili (azione fertilizzante) confrontate ai testimoni, mentre la CSC non ha subito variazioni significative. Le concentrazioni di metalli pesanti non sono aumentate nel suolo dopo l’apporto di compost.
Per quanto riguarda la produzione vegetale di granella, è stato rilevato come non ci siano differenze in termini di rese fra le diverse tesi. In seguito al test di germinazione i risultati evidenziano come i compost non abbiano effetto fitotossico. Aumenti significativi del contenuto di azoto e di fosforo sono stati rilevati nella granella e solo di azoto negli stocchi di mais. Trascurabile il contenuto in metalli pesanti.
In conclusione, la prova effettuata in pieno campo dimostra come il compost di elevata qualità non determini incrementi significativi dei metalli pesanti nei suoli e nelle piante di mais. Esso pertanto può rappresentare una valida alternativa al letame e agli altri ammendanti in commercio, offrendo le necessarie garanzie in termini di tutela ambientale e di salvaguardia della salubrità delle produzioni agricole. Il compost, alla dose di arricchimento, svolge quindi un’ottima funzione ammendante e una buona azione fertilizzante.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 P R E M E S S A Nel corso della storia il concetto di rifiuto e di riciclaggio si è evoluto. La filosofia che sta alla base del recupero di materia non è nient’altro che espressione di sensibilità ambientale da parte dell’uomo. La legge sullo smaltimento dei rifiuti (art. 2 D.P.R. n° 915 del 10/09/1982) definisce rifiuto “qualsiasi sostanza od oggetto derivante da attività umane o da cicli naturali, abbandonati o destinato all’abbandono”. Se pensiamo alla civiltà contadina dobbiamo rilevare che il termine rifiuto (= spazzatura) non era ad essa noto e ciò in quanto ogni scarto aveva il suo riciclo: i residui alimentari passavano agli animali, la carta e la legna venivano utilizzate per il riscaldamento, gli stallati diventavano concime; in un quadro di questo tipo che possiamo definire ecologico, nulla veniva accumulato e rifiutato. Alla luce di quanto detto possiamo dare del rifiuto una definizione più specifica ed attagliata alla nostra epoca “rifiuto è tutto ciò che, per sue caratteristiche fisiche e chimiche e per sua quantità, non è più interamente e immediatamente utilizzabile per le attività umane o nei cicli naturali”. Le ragioni più antiche dell’idea di riciclo vanno rintracciate nella filosofia della conservazione della materia. Anassagora (V secolo a.C.) sentenziò “Nulla si crea e nulla si distrugge, tutto ciò che esiste è soltanto l’unione o la separazione di oggetti che esistevano già prima”. Epicuro (342-270 a.C.) scrisse “ Nulla nasce da ciò che non esiste” e Aristotele (384-322 a.C.), sostenitore della teoria dei quattro elementi -acqua-aria-terra-fuoco-, affermò “La materia, una volta creata, non si accresce né diminuisce. La materia non rinasce né sparisce: essa può soltanto essere soggetta a cambiamenti”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi