Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il G8 a Genova nel confronto tra giornalismo tradizionale e informazione on-line

Questa tesi nasce dalla curiosità di chi scrive per la comunicazione giornalistica e per il mondo-Internet, nella consapevolezza che la “rete delle reti” ha già modificato mentalità e comportamenti coinvolgendo l'intero pianeta. Soprattutto, appare evidente che il nuovo media si sta trasformando in una fonte di informazione alternativa ai canali tradizionali in quanto le potenzialità del computer permettono ad ogni utente di accedere ad una quantità infinita di notizie senza alcun filtro; per la prima volta l'utente stesso può inserirsi in modo interattivo per immettere nuove notizie o confutare quelle che ha appena letto, con una facilità mai conosciuta prima e nella piena certezza che in un qualsiasi angolo della terra il suo messaggio potrà essere raccolto e rilanciato.
Le innovazioni determinate dalle tecnologie e dal sapere informatico si sono inserite alla perfezione nella globalizzazione mediatica che già si era concretizzata negli ultimi decenni del ventesimo secolo, rendendo perciò necessaria, in quanto inscindibile, una riflessione su questo argomento.
In Italia il caso più eclatante di questa connessione tra media e globalizzazione è stato sicuramente il G8 di Genova, un evento che ha catalizzato l’attenzione mondiale non solo per i tre giorni della sua durata, coinvolgendo, mesi prima e mesi dopo, i mezzi di comunicazione che più conosciamo, ma soprattutto Internet, che si è rivelato il mezzo più adatto per descrivere in modo completo, multimediale, un evento così grande ed imprevedibilmente così drammatico.
Il materiale per questa tesi non è di certo mancato. Infatti esiste una bibliografia amplissima sui nuovi scenari dei media e sull’impatto dell’informatica; nelle riviste di settore il fenomeno Internet è divenuto il tema privilegiato, in tutto il mondo si pubblicano riviste sulla comunicazione web e sul giornalismo on-line). Poiché il dibattito è strettamente connesso alle problematiche sulla globalizzazione rilanciate da economisti, politici e studiosi attraverso i percorsi della comunicazione tradizionale (libri, riviste, convegni, ecc.) ed attraverso al rete stessa (in gran parte di controinformazione), è stato necessario cercare la bussola giusta per orientarsi nell'immensa quantità di materiale che quasi settimanalmente si arricchisce di nuovi contributi. L'intento era quello di capire in quale momento e con quali modalità il giornalismo online ha intercettato il giornalismo tradizionale per poi passare al confronto diretto tra modelli di impaginazione e stili di scrittura, scegliendo come oggetto dell'indagine proprio l'evento del G8 di Genova. Inizialmente si pensava di analizzare soltanto la lunga fase dell'organizzazione dell'incontro internazionale ma le sanguinose giornate del luglio 2001 hanno imposto una nuova scansione temporale, che ha come punto fermo la data dell'11 settembre quando l'occhio mediatico si è spostato da Genova per indirizzarsi su New York.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questa tesi nasce dalla curiosità di chi scrive per la comunicazione giornalistica e per il mondo-Internet, nella consapevolezza che la “rete delle reti” ha già modificato mentalità e comportamenti coinvolgendo l'intero pianeta. Soprattutto, appare evidente che il nuovo media si sta trasformando in una fonte di informazione alternativa ai canali tradizionali in quanto le potenzialità del computer permettono ad ogni utente di accedere ad una quantità infinita di notizie senza alcun filtro; per la prima volta l'utente stesso può inserirsi in modo interattivo per immettere nuove notizie o confutare quelle che ha appena letto, con una facilità mai conosciuta prima e nella piena certezza che in un qualsiasi angolo della terra il suo messaggio potrà essere raccolto e rilanciato. Le innovazioni determinate dalle tecnologie e dal sapere informatico si sono inserite alla perfezione nella globalizzazione mediatica che già si era concretizzata negli ultimi decenni del ventesimo secolo, rendendo perciò necessaria, in quanto inscindibile, una riflessione su questo argomento. In Italia il caso più eclatante di questa connessione tra media e globalizzazione è stato sicuramente il G8 di Genova, un evento che ha catalizzato l’attenzione mondiale non solo per i tre giorni della sua durata, coinvolgendo, mesi prima e mesi dopo, i mezzi di comunicazione che più conosciamo, ma soprattutto Internet, che si è rivelato il mezzo più adatto per descrivere in modo completo, multimediale, un evento così grande ed imprevedibilmente così drammatico. Il materiale per questa tesi non è di certo mancato. Infatti esiste una bibliografia amplissima sui nuovi scenari dei media e sull’impatto dell’informatica; nelle riviste

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuela Mortari Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2485 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.