Skip to content

Nuovi modelli di business: le comunità virtuali. Il caso di Fondi.it

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Calorio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Tecniche e metodi per la società dell'informazione
  Relatore: Luca Console
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 269

Il progetto dietro questa tesi nasce dalla volontà di affrontare l'aspetto economico delle comunità virtuali e non tanto quello sociologico, riguardo al quale si sono espressi numerosi autori nel corso degli ultimi anni. La struttura che percorre e caratterizza tutto il lavoro, è un confronto critico tra le nozioni più marcatamente teoriche e gli effetti derivanti dall'effettivo sviluppo di iniziative di business concentrate attorno all'implementazione di comunità virtuali. I risultati conseguiti hanno portato ad osservare come, in Italia, sia ancora scarsa la considerazione per questo fenomeno che negli Usa ha invece già raggiunto una sua stabilità e garantito agli investitori interessanti risultati in termini di revenue e comeimportanti quote di mercato siano ancora a disposizione per i player capaci di sfruttare tutti gli strumenti a disposizione.
Dopo aver analizzato, nel primo capitolo (''Marketing e comunità virtuali''), gli effetti causati dalle comunità virtuali sul modo tradizionale di intendere le leve e la funzione di Marketing e sulle azioni attuabili per ottenere la fedeltà del consumatore (quali l'affiliation, il lock-in, il permission marketing o il marketing virale), l'attenzione si sposta, nel secondo capitolo (''Le comunità virtuali''), sulle caratteristiche peculiari delle comunità virtuali (le origini, le diverse tipologie e le funzioni) con un occhio di riguardo particolare per le comunità di consumo (B2C) e finanziarie, categoria nella quale rientra Fondi.it.

Il terzo capitolo (''Il modello economico delle comunità virtuali''), rappresenta il cuore della tesi, analizzando dettagliatamente il modello di business, le fonti di ricavo e di costo, l'emergente fenomeno dell'infomediazione e i possibili sviluppi delle comunità virtuali; i concetti espressi in questo capitolo servono da base teorica per lo sviluppo degli argomenti trattati nel capitolo 4 (''Il caso di Fondi.it''), incentrato sulle decisioni prese dallo staff di Fondi.it per l'implementazione della propria comunità virtuale, e nel capitolo 5 (''Azioni di promozione e revenue di una comunità'') capitolo nel quale vengono considerati criticamente tutti gli strumenti necessari per generare una massa critica di utenti e dare il là alle dinamiche dei rendimenti crescenti.

Nell'ultimo capitolo, ''I programmi di affiliazione'', oggetto d'analisi sono proprio quegli affiliation program capaci di garantire una crescita notevole delle fonti di revenue di una comunità virtuale. Dopo aver fatto una esaustiva panoramica dei programmi disponibili e delle loro caratteristiche peculiari, particolare attenzione viene riposta sulle considerazioni riguardo al modello adottato e ai costi sostenuti da parte del management di Fondi.it in relazione al mall sviluppato.

La Conclusione, infine, costituisce un momento di riflessione ad ampio respiro sulle possibili conseguenze che le comunità virtuali potranno causare in svariati ambiti del modo di fare impresa, sempre procedendo lungo un continuum espanso in tre direzioni: la valutazione economica, l'impatto aziendale e il valore dell'interazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione In Internet non è la transazione legata al prodotto in sé e per sé che deve essere posta al centro dell'interazione con il cliente; è invece il "[..] parco informativo e relazionale legato all'attività che alimenta l'interazione continua con il cliente 1 ". Obiettivo delle opportunità di interazione deve essere, infatti, quello di stimolare il maggior numero di contatti con i clienti. Se la costruzione del sito gravita intorno alle sole opportunità commerciali , non vi sarà l'opportunità di accrescere la struttura relazionale e, soprattutto, di aumentare le occasioni di visita. Se al contrario, il progetto viene costruito attorno all'opportunità di erogare contenuto informativo di interesse per l'utente, allora vi sarà occasione di visita sicuramente maggiore, che diventerà opportunità di trasformazione in relazione di fiducia. Si può così derivare una prima e importante regola per le imprese che operano in contesti virtuali: la competizione in Internet avviene sull'informazione. L'obiettivo deve essere quello di trasferire il maggior numero di contenuti coerenti con il proprio target per accrescere le probabilità di interazione con il singolo cliente. Mentre, quindi, nel mercato off-line, le interazioni erano prevalentemente legate alle occasioni di transazione, in Internet, le occasioni devono essere estese al trasferimento di informazioni al cliente e alla creazione stessa di informazioni con il cliente, attraverso le modalità di interazione che Internet permette di attivare. Ma è proprio la straordinaria diffusione delle informazioni, la loro reperibilità in rete, la loro sovrabbondanza a renderne limitato il valore economico. Nell'economia delle reti ciò che manca è il tempo e la concentrazione da dedicare affinché le informazioni di cui disponiamo acquisiscano un significato. Ciò che scarseggia, e che quindi ha uno straordinario valore economico, è la quantità di attenzione che può essere assegnata individualmente o collettivamente ad un dato problema. 1 Prandelli, E. Verona, G. (2002) Il marketing in rete, McGraw-Hill, Milano, p. 61

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affiliation program
comunità di consumatori
comunita virtuali
crm
fonti di ricavo
marketing relazionale
marketing virale
modelli di business
rendimenti crescenti
web marketing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi