Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Materiali biblioteconomici per la nuova biblioteca universitaria di Genova. Avvio di un'indagine

La presente ricerca nasce dalla congiuntura di alcuni eventi di cui i due principali sono:
- la prospettiva, ormai prossima, che la Biblioteca universitaria di Genova trovi più adeguati spazi nella sede dell’ex Hotel Colombia;
- il desiderio di chi scrive di provare a dare, pur con i limiti di una tesi di laurea, un contributo nel progetto di trasferimento della medesima biblioteca, in cui attualmente lavora.
Come ha scritto M-F Bisbrouck , è un’occasione straordinaria e stimolante per un bibliotecario quella di trovarsi a lavorare in una biblioteca, mentre si costruisce un nuovo edificio o lo si ristruttura interamente: statisticamente non capita più di una volta nella vita.
Continuando il suo pensiero, la medesima autrice spiega come tale evento possa anche essere ritenuto come un’incredibile disavventura, che complicherà terribilmente la vita lavorativa, richiederà un dispendio maggiore di energie; soprattutto richiederà un lavoro di sinergia cui non sempre si è abituati.
Viviamo in un epoca di trasformazione in ogni campo. Anche le biblioteche ne risentono ampiamente, soprattutto per quello che riguarda le nuove tecnologie. La Biblioteca Universitaria di Genova, che si vuole trasformare in quest’epoca, trova attorno a sè una realtà locale anche essa in trasformazione, tanto concettualmente (come vedremo, sta ritrovando una vocazione turistica e di rinnovamento), che fisicamente. E quando dico “attorno” non mi riferisco solo alla città nella sua totalità, ma anche alla “micro” zona dove andrà a collocarsi nella nuova sede. C’è allora oggi il problema di riuscire a coniugare un passato, che è di un certo peso, con un futuro che si deve organizzare.
A partire da tali premesse, con il presente lavoro si è voluto porre le basi per meglio conoscere la realtà in cui si muove o si muoverà la Biblioteca Universitaria di Genova, raccogliendo alcuni materiali che possano essere utili ai fini della predisposizione del progetto biblioteconomico della nuova biblioteca.
Per fare questo ho lavorato seguendo le seguenti direttrici:
1. analisi della letteratura professionale, per comprendere quali siano i temi più dibattuti attualmente e più interessanti per una biblioteca che deve ristrutturare la propria sede e quindi i propri servizi;
2. approfondimento della storia della Biblioteca Universitaria di Genova, con brevi cenni anche sui suoi fondi, per comprendere le radici che stanno alla base della trasformazione odierna;
3. raccolta dei dati statistici esistenti, che in parte raccontano e in parte spiegano la storia di cui sopra;
4. svolgimento di un’indagine sull’utenza attraverso un questionario preparato ad hoc e somministrato ad un campione non probabilistico;
5. valutazione dei dati e risultati ottenuti, anche attraverso la predisposizione di opportuni indicatori.
6. raccolta di informazioni sulla trasformazione in atto nel capoluogo genovese, soprattutto per quanto riguarda il settore della cultura e delle infrastrutture.
Ho scelto di lavorare provando a mettere a frutto le risorse di cui posso disporre personalmente, conscio che ben altre conoscenze sarebbero necessarie e figure professionali diverse dovrebbero e dovranno intervenire in un tale lavoro; tra essi vorrei in primo luogo parlare, oltre che dei bibliotecari e architetti, anche degli esperti di statistica, con cui peraltro ho preso contatto partecipando ad attività seminariali sull’argomento.
Senza pretese eccessive, credo che questo possa costituire un utile contributo per progettare e realizzare la nuova biblioteca e cominciare a rendere attuale nel concreto le teorie che si dibattono in seno al mondo bibliotecario, già nella struttura attuale della Biblioteca Universitaria di Genova.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione La presente ricerca nasce dalla congiuntura di alcuni eventi di cui i due principali sono: ™ la prospettiva, ormai prossima, che la Biblioteca universitaria di Genova trovi pi� adeguati spazi nella sede dell�ex Hotel Colombia; ™ il desiderio di chi scrive di provare a dare, pur con i limiti di una tesi di laurea, un contributo nel progetto di trasferimento della medesima biblioteca, in cui attualmente lavora. Come ha scritto M-F Bisbrouck 1 , � un�occasione straordinaria e stimolante per un bibliotecario quella di trovarsi a lavorare in una biblioteca, mentre si costruisce un nuovo edificio o lo si ristruttura interamente: statisticamente si � gi� fortunati se capita una volta nella vita. Continuando il suo pensiero, la medesima autrice spiega come tale evento possa anche essere ritenuto come un�incredibile disavventura, che complicher� terribilmente la vita lavorativa, richieder� un dispendio maggiore di energie; soprattutto richieder� un lavoro di sinergia cui non sempre si � abituati. Viviamo in un epoca di trasformazione in ogni campo. Anche le biblioteche ne risentono ampiamente, soprattutto per quello che riguarda le nuove tecnologie. La Biblioteca Universitaria di Genova, che si vuole trasformare in quest�epoca, trova attorno a s� una realt� locale anche essa in trasformazione, tanto concettualmente (come vedremo, sta ritrovando una vocazione turistica e di rinnovamento), che fisicamente. E quando dico �attorno� non mi riferisco solo alla citt� nella sua totalit�, ma anche alla �micro� zona dove andr� a collocarsi nella nuova sede. C�� allora oggi il problema di riuscire a coniugare un passato, che � di un certo peso, con un futuro che si deve organizzare. A partire da tali premesse, con il presente lavoro si � voluto porre le basi per meglio conoscere la realt� in cui si muove o si muover� la Biblioteca Universitaria di Genova, raccogliendo alcuni materiali che possano essere utili ai fini della predisposizione del progetto biblioteconomico della nuova biblioteca. Per fare questo ho lavorato seguendo le seguenti direttrici: 1 Universit� degli Studi di Trento � Biblioteca di Ateneo � Facolt� di Ingegneria, �Progettare una biblioteca universitaria�, Convegno nazionale, Trento 13-14 novembre 1997, AIB, Roma, 1999, p.13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Guido Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1710 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.