Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impatto delle nuove tecnologie informatiche nei rapporti tra industria agroalimentare e grande distribuzione - Il caso GDA GROUP

Il presente lavoro ha come obiettivo quello di analizzare da un punto di vista economico, strategico e gestionale gli effetti dell’introduzione e utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione nei rapporti tra industria e grande distribuzione.
Approfondendo il campo d’indagine, l’interesse si concentra sullo studio del Supply Chain Management, inteso come gestione e monitoraggio via “Web” dell’intera catena del valore; dalla fornitura, alla produzione, alla consegna al fine di fornire un servizio sempre più rispondente alle complesse ed eterogenee esigenze del consumatore moderno.
La tesi si basa su un’esperienza di stage svolto nei mesi di novembre e dicembre 2002 presso la GDA RETAIL S.p.A. e l’IPERFUTURA, entrambe appartenenti al GRUPPO GDA, con sedi, rispettivamente, a Buccino (SA) e Potenza. Il tirocinio trae origine dal proposito di avvalersi del supporto di una realtà aziendale operante nel settore della distribuzione organizzata, in modo da affiancare a concetti e nozioni di carattere strettamente economico-tecnico, indagini ed analisi di tipo empirico finalizzate a fornire una visione del fenomeno più completa ed organica.
Da questa impostazione deriva il carattere concreto della presente tesi di laurea.
Il GRUPPO GDA, il quale rappresenta oggi una delle più importanti realtà aziendali del Sud Italia, è il risultato dell’intuizione imprenditoriale della famiglia Di Carlo, titolare di un’omonima azienda nata oltre settant’anni fa ed evolutasi rapidamente fino a raggiungere l’attuale livello di complessità, descritto nella tesi di laurea.
Risultando estremamente complesso considerare l’intero sistema degli approvvigionamenti e la globalità delle relazioni con i fornitori/clienti del Gruppo aziendale summenzionato, con riferimento alla parte operativa, si è preferito focalizzare l’attenzione su un particolare reparto merceologico facendo quindi assumere al lavoro la veste di un progetto pilota.
La categoria merceologica prescelta è quella ortofrutticola tenuto conto delle peculiarità che la stessa presenta in riferimento alla facile deperibilità dei prodotti ed alla funzione di veicolo di segnali qualitativi e di immagine che spesso svolge all’interno di una struttura distributiva.
Inoltre, al fine di consentire un agevole approccio all’argomento in trattazione, si è ritenuto essenziale sintetizzare in primis il quadro generale di riferimento costituito dal concetto di Supply Chain Management, dai modelli teorici forniti dalla letteratura economica e dal relativo processo di implementazione. A conclusione di questa parte verrà illustrato, negli aspetti più salienti e di maggiore interesse ai fini del presente studio, il progetto Efficient Consumer Response il quale rappresenta un importante tentativo di concreta applicazione della filosofia gestionale sopra citata. Tale introduzione, oggetto della prima parte, servirà a delineare diversi concetti che verranno ripresi nelle successive analisi.
Esaurita preliminarmente tale fase, comunque sostanziale, si analizzerà il ruolo fondamentale svolto dall’informazione all’interno di una catena della fornitura e come questa possa essere gestita in modo proficuo avvalendosi di appropriate tecnologie dell’informazione.
Dal quadro complessivo, in tal modo delineatosi, seguendo un procedimento che dal generale muove al particolare, si approfondirà da ultimo l’analisi del caso aziendale oggetto principale del presente lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 PREMESSA Il presente lavoro ha come obiettivo quello di analizzare da un punto di vista economico, strategico e gestionale gli effetti dell’introduzione e utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione nei rapporti tra industria e grande distribuzione. Approfondendo il campo d’indagine, l’interesse si concentra sullo studio del Supply Chain Management, inteso come gestione e monitoraggio via “Web” dell’intera catena del valore; dalla fornitura, alla produzione, alla consegna al fine di fornire un servizio sempre più rispondente alle complesse ed eterogenee esigenze del consumatore moderno. La tesi si basa su un’esperienza di stage svolto nei mesi di novembre e dicembre 2002 presso la GDA RETAIL S.p.A. e l’IPERFUTURA, entrambe appartenenti al GRUPPO GDA, con sedi, rispettivamente, a Buccino (SA) e Potenza. Il tirocinio trae origine dal proposito di avvalersi del supporto di una realtà aziendale operante nel settore della distribuzione organizzata, in modo da affiancare a concetti e nozioni di carattere strettamente economico-tecnico, indagini ed analisi di tipo empirico finalizzate a fornire una visione del fenomeno più completa ed organica. Da questa impostazione deriva il carattere concreto della presente tesi di laurea.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Arcangelo Pascaretta Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5324 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.