Skip to content

Aspetti e problemi delle politiche per il mercato del lavoro a livello nazionale e regionale

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Principato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Pierluigi Grasselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

Oggetto di questo studio sono le politiche per il mercato del lavoro effettuate attualmente in Italia.
Il discorso sarà, però, limitato a quegli interventi che più direttamente influenzano il mercato del lavoro; altrimenti, si correrebbe il rischio di estendere troppo il discorso. Verranno, cioè, tralasciati gli interventi di politica fiscale e monetaria anche se spesso hanno una forte ricaduta in termini occupazionali; si pensi per esempio all'impatto che provoca il bilancio pubblico sull'economia.
Fino agli anni settanta, gli strumenti delle politiche per il mercato del lavoro erano essenzialmente rappresentati dal bilancio pubblico e dagli interventi assistenziali. Un comportamento di questo genere era supportato da una visione keynesiana dell'economia. A partire dagli anni settanta, però, l'andamento dell'economia mondiale ha messo in evidenza una parziale inefficacia degli interventi keynesiani.
E' proprio in questo periodo che si è iniziato a parlare di politiche ''attive'' del lavoro contrapposte alle politiche ''passive'' che erano state usate fino ad allora. Per politiche attive si intendono quegli interventi che tendono a mettere in contatto domanda ed offerta di lavoro diminuendo il tempo necessario per la ricerca di lavoro. In particolare le politiche attive vengono divise in: servizi all'occupazione, formazione professionale, job creation e altri interventi.
Le politiche passive, viceversa, operano attraverso sussidi di disoccupazione, assegni di integrazione salariale (cassa integrazione), ecc., oppure attraverso l'utilizzo del bilancio pubblico per rilanciare l'economia.
Le politiche attive sono state utilizzate massicciamente nei paesi scandinavi. In particolare in Svezia sono state applicate politiche attive sia per quel che riguarda la formazione, sia per quel che riguarda gli uffici di collocamento.
Sono state date giustificazioni alla maggiore efficacia delle politiche attive.
Alcuni disoccupati smettono di cercare lavoro perchè scoraggiati dalle scarse opportunità di lavoro: attraverso la formazione professionale o attraverso un utilizzo attivo del collocamento si può favorire l'occupazione dei disoccupati scoraggiati.
Recentemente è stato messo in risalto (Layard et al. (1991)) che alti sussidi di disoccupazione (interventi ''passivi'') comportano un abbandono della ricerca di lavoro dato che per l'individuo risulta più conveniente rimanere disoccupato e ricevere il sussidio piuttosto che cercare lavoro. Le politiche attive incentivano, direttamente o indirettamente, la ricerca di lavoro e quindi aumentano le possibilità di trovare un lavoro, senza però concedere dei sussidi senza condizioni.
In molti paesi vengono rilevati, oltre al numero dei disoccupati, anche il numero dei posti di lavoro vacanti. Da queste rilevazioni si può notare che, anche quando c'è disoccupazione, rimangono comunque alcuni posti di lavoro vacanti; ciò è dovuto alla mancanza di perfetta informazione nel mercato del lavoro. Il servizio di collocamento può, quindi, servire per mettere meglio in contatto la domanda con l'offerta e per aumentare le informazioni a disposizione dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro.
Abbiamo quindi mostrato una serie di argomenti con i quali si motiva, solitamente, la maggiore efficacia delle politiche attive. Cerchiamo ora di aggiungere un altro motivo: le politiche attive hanno maggiore capacità di adattarsi ai cambiamenti che, inevitabilmente, avvengono nel mondo del lavoro rispetto alle politiche passive. Queste ultime risultano più rigide e quindi presentano maggiori difficoltà ad affrontare problemi che nascono in un mondo in continua trasformazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Oggetto di questo studio sono le politiche per il mercato del lavoro effettuate attualmente in Italia. «Le politiche per il mercato del lavoro (welfare, redditi, occupazione), quindi, comprendono tutto l'insieme degli strumenti a disposizione dell'autorità pubblica per influenzare la dinamica del mercato del lavoro nelle sue componenti attive e non attive, con l'obiettivo di valorizzare l'impiego della forza lavoro disponibile, creare nuove opportunità occupazionali (a livello sia micro che macroeconomico), ridurre la disoccupazione, migliorare l'efficienza del mercato del lavoro in termini di prezzo e quantità, provvedere all'ammortizzazione in termini di reddito delle situazioni di squilibrio, marginalità, precarietà.» (Brunetta (1992), pp.52-53) Nella definizione di politiche del lavoro si potrebbero far comprendere tutti gli interventi fatti dalle autorità visto che in ogni caso si hanno ricadute sull'occupazione. La decisione di costruire nuove opere pubbliche, per esempio, solitamente ha un forte effetto sull'occupazione; allo stesso modo, una politica monetaria restrittiva influenza l'andamento del mercato del lavoro. Il discorso sarà, però, limitato a quegli interventi che più direttamente influenzano il mercato del lavoro; altrimenti, si correrebbe il rischio di estendere troppo il discorso. Verranno, cioè, tralasciati gli interventi di politica fiscale e monetaria anche se spesso hanno una forte ricaduta in termini occupazionali; si pensi per esempio all'impatto che provoca il bilancio pubblico sull'economia. Fino agli anni settanta, gli strumenti delle politiche per il mercato del lavoro erano essenzialmente rappresentati dal bilancio pubblico e dagli interventi assistenziali. Un comportamento di questo genere era supportato da una visione keynesiana dell'economia. A partire dagli anni settanta, però, l'andamento dell'economia mondiale ha messo in evidenza una parziale inefficacia degli interventi keynesiani (vedi oltre a pagina 9). E' proprio in questo periodo che si è iniziato a parlare di politiche "attive" del lavoro contrapposte alle politiche "passive" che erano state usate fino ad allora. Per politiche attive si intendono quegli interventi che tendono a mettere in contatto domanda ed offerta di lavoro diminuendo il tempo necessario per la ricerca di lavoro. In particolare le politiche attive vengono divise in: servizi all'occupazione, formazione professionale, job creation e altri interventi. Le politiche passive, viceversa, operano attraverso sussidi di disoccupazione, assegni di integrazione salariale (cassa integrazione), ecc., oppure attraverso l'utilizzo del bilancio pubblico per rilanciare l'economia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cassa integrazione
disoccupazione
job creation
mercato del lavoro
politiche attive del lavoro
politiche del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi