Skip to content

La professionalità dell'educatore nella relazione di aiuto ai malati terminali

Informazioni tesi

  Autore: Paola Margheriti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Laura Arcangeli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

Come aiutare chi muore, a trovare valore nella fine della propria vita?
Il sostegno di altri esseri umani è quello che gli esseri umani ricercano nelle situazioni più difficili. È per questo che si è indagato nelle relazioni umane. Le relazioni significativi, scomode, fastidiose, fonte di delusioni, frustrazioni, che costringono a cambiare idea e mettono in crisi. Ma la crescita nasce nella diversità, perché la similarità non provoca attrito, non stimola alla messa in discussione di chi si è e di chi è il prossimo.
La relazione prevede due o più persone che siano disposte a stabilire una comunicazione autentica. Colui che presta aiuto deve avere una disposizione particolare ed essere pronto all’azione per aiutare l’altro; che a sua volta fornirà il “materiale” per essere aiutato, cioè la propria storia, ricca di significato che solo lui può portare nella relazione.
Relazionarsi può significare incontrare il dolore degli altri, la malattia che distrugge il loro corpo, la loro morte in cui inevitabilmente ci si specchia. Questa identificazione, la possibilità pur remota di essere vulnerabile, spinge l’uomo a rifuggire la vicinanza con chi soffre.
Come reagisce chi non può separarsi dal proprio corpo malato? Con sgomento, rifiuto, rabbia, disperazione. La malattia è attacco al corpo, che contribuisce a costruire l’identità di ciascuno e la “contiene”.
Spesso compagno fastidioso e mai silenzioso della malattia è il dolore, che separa l’uomo sano da quello malato, per la sua incomunicabilità.
La malattia è con speranza associata all’idea di guarigione, in un’epoca nella quale la medicina ha “escogitato scampo da mali incurabili”.
Ma ci sono malattie contro cui la medicina ha ingaggiato da anni una durissima guerra, non ancora vinta.
Chi riceve la condanna a morte da un medico, deve rielaborare la propria vita, i progetti che vanno distrutti e deve difendersi. Nel viaggio verso la fine i compagni sono molto spesso il dolore, i ricordi, la vita passata, perchè il tratto in cui si aspetta la morte sembra essere già non più vita. Un moribondo viene visto come un essere già morto. Non ha voce in capitolo per quanto riguarda le cure, a volte non è pienamente consapevole delle sue reali condizioni, ma se sa, è difficile comunicare con lui e la sua condizione è quasi imbarazzante.
La morte del malato terminale offre l’opportunità di pensare la vita e affrontare anche l’esperienza che sembra non abbia niente a che fare con la vita ed è invece il suo naturale epilogo.
Il luogo della cura del morente può essere la sua stessa casa, nella quale entrano le persone capaci di curarlo al meglio, oppure uno speciale ospedale, il cui fine non è la guarigione dell’assistito, ma il raggiungimento di una sempre migliore qualità di vita, con l’aiuto di diverse persone che si occupano di lui. Assimilabile all’ospedale quanto a struttura, ma governato da una filosofia totalmente diversa è l’hospice, dove non è più possibile la cura, ma l’aver cura.
Con questo lavoro si è voluto scoprire come i vari compagni del morente possano valorizzare la parte finale della vita altrui come “lo stadio finale della crescita”, senza pretendere di travalicare il muro di isolamento che inevitabilmente la morte erige fra la vittima e il mondo esterno. In base agli studi svolti si è potuto appurare che spesso questa competenza, per quel che riguarda molti operatori del settore, è lasciata al caso.
Uno dei professionisti citati poco spesso in relazione a problematiche di questo genere è l’educatore professionale.
Se è vero che si cresce fino alla morte, l’educatore non è un estraneo o un profano nelle corsie dell’Ospedale, ma vi trova uno spazio di professionalità. Quale esperto di relazioni d’aiuto, formato per essere un helper, può contribuire al miglioramento della qualità di vita dei moribondi, perché sono patrimonio della sua professionalità competenze necessarie nelle relazione con i morenti.
È proprio lui che potrà, in forza del percorso formativo che ha fatto, aiutare il malato a trovare in sè, nella propria storia non ancora conclusa, il significato della sua vita. Perché chi si trova a faccia a faccia con la morte può dire qualcosa in più degli altri, insegnando loro proprio a vivere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 La professionalità dell’Educatore nella relazione di aiuto al malato terminale. INTRODUZIONE “Ricco di ogni risorsa, apprese da sé le parole e il pensiero rapido come il vento e gli impulsi agli ordinamenti civili e a fuggire gli strali dei geli inospitali a cielo scoperto e gli strali delle piogge violente; verso nessun evento futuro va privo di risorse; solo dalla morte non troverà scampo; ma ha escogitato scampo da morbi incurabili.”. Euripide, Antigone La mia ultima esperienza di tirocinio si è svolta in un reparto dell’Ospedale. Lunghe ore passate nella sala di attesa del reparto di Oncologia Medica, negli ambulatori e in corsia insieme a medici riluttanti, inconsapevoli e raramente accoglienti verso “personale non medico” che veniva ad infiltrarsi in ambiti non consentiti. Diverse occasioni di studio e approfondimento mi hanno resa consapevole della necessità di una formazione a livello umanistico per gli operatori sanitari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

educatori
malati terminali
malattia terminale
relazione di aiuto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi