Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Algoritmi per la compressione di immagini a istogramma sparso nella catena jpeg2000

La tesi verte sullo studio della catena di compressione JPEG2000 e sulla applicazione della trasformata wavelet in esso. In ambito di questo tipo di compressione si sfrutta la sparsità dell'istogramma di colore delle immagini per migliorare il fattore di compressione. Vengono proposti due algoritmi che modificano la catena: uno sull'allungamento dell'unità di codifica fondamentale, l'altro sull'accorpamento dei simboli zerotree.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1Wavelet e multirisoluzione1.1 IntroduzioneLo strumento principe nell'analisi dei segnali e stato, no alla prima meta del secoloscorso, la trasformata di Fourier [12]. E curioso notare come lo sviluppo della teoriadel grande matematico dell'800 prenda spunto da un campo abbastanza distante qualela termodinamica, come testimonia [6]. L'introduzione delle Wavelet si puo far risalireall'inizio del XX secolo a Haar [31]. L'approccio usato dalle due teorie non e moltodiverso, e sempre basato sul trovare le funzioni piu adeguate per rappresentare i di erentisegnali o erti dai fenomeni naturali. A sfavore della teoria di Fourier c'e lo sfruttamentodi seni e coseni come funzioni \elementari", che sono s maneggevoli e regolari, ma pocosi adattano a seguire andamenti con cambi repentini, infatti, il fenomeno di Gibbs [8]evidenzia molto bene le diÆcoltache sorgono quando il segnale in esame e, per esempio,un'onda quadra (Figura 1.1).Nel caso dell'uso di Wavelet ([31], [2], [4], [19], [30], [10]), invece, la situazione cambiacompletamente: l'insieme delle funzioni elementari da cui attingere e ben piu vasto eall'occorrenza si possono creare ad hoc. Il caso di Haar citato prima e forse tropposemplice (la Wavelet in questione e un'onda quadra) ma si possono trovare anche esempicome questo (Figura 1.2): anche agli occhi del profano una forma d'onda si atta apparesubito piu adatta a seguire tutte le particolaritache si possono presentare. Non e questol'unico punto di forza dell'analisi fatta con Wavelet: se nel caso di Fourier il passaggio dal12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Aguzzi Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 962 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.