Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli aspetti economici dell'impresa cooperativa e le sue potenzialità di sviluppo nel Mezzogiorno: il caso della cooperativa ''Giustizia e libertà''

La tesi si suddivide in due parti. Nella prima si evidenziano le caratteristiche economiche e gestionali dell'impresa cooperativa rispetto ad una tradizionale impresa for profit; in particolare, sono stati analizzati i punti di forza e debolezza di tale struttura, ponendo l'accento sulle principali aree aziendali presenti in un'impresa (area strategica, finanza, marketing, problemi di redditività ecc, l'individuazione di un particolare indice di redditività: l'indice ROM).
Nella seconda parte del lavoro, sulla base delle caratteristiche evidenziate sono state analizzate, dopo un'indagine statistica e campionaria, le principali motivazioni dello sviluppo di un'impresa cooperativa nel Mezzogiorno. La tesi si conclude con un caso applicativo (una cooperativa di Salerno) che racchiude tutte le problematiche e le caratterizzazioni evidenziate.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PARTE PRIMA INTRODUZIONE Lo studio economico-aziendale dell’impresa cooperativa incontra, tra gli addetti ai lavori, una serie di difficoltà, sia per la frammentarietà dei contributi teorici, sia per la complessità delle valutazioni relative alle reali situazioni delle strutture cooperative. Il presente lavoro, suddiviso in due parti, intende fornire una panoramica economica-gestionale dell’impresa cooperativa, attraverso la rilevazione di determinate caratteristiche che la contraddistinguono dalla tradizionale impresa for profit, al fine di individuare sia i punti di forza sia di debolezza, nonché ricercare tutte quelle condizioni che, in rapporto al nuovo assetto economico, legittimano il suo operato. Nella prima parte del lavoro saranno analizzati diversi elementi che, tramite la valutazione di fattori di natura “sociale”, potrebbero spiegare l’esistenza di possibili vantaggi comparati conseguibili da tale forma organizzativa. La connotazione sociale dell’impresa cooperativa si evidenzia sin dalle origini storiche dello stesso movimento, in quanto le tensioni sociali che succedettero lo sviluppo economico, derivante dalla prima rivoluzione industriale, indussero ampie fasce della popolazione, colpite dal degrado scaturito, a cooperare e collaborare nella creazione di attività produttive e di consumo, per emergere dalla difficile situazione in cui versavano. I vantaggi legati ad aspetti sociali, nonché alle forme cooperativistiche in generale, sono ancor più significativi se l’analisi si estende alla valutazione di tutte quelle situazioni in cui, dal punto di vista strettamente economico, la reciproca collaborazione consente di raggiungere risultati considerati collettivamente migliori, sia nei casi in cui, dal lato del consumatore, la presenza di asimmetrie informative non permette di conoscere perfettamente la qualità dell’output realizzato, sia nei casi in cui, dal lato del produttore, per la complessità delle attività

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rita Stoto Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.