Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le accomandite bancarie comasche tra '800 e '900: le vicende della ditta Sala Regazzoni & C., già Mariani Sala & C.

La tesi è una ricerca sulle vicende riguardanti le banche comasche di inizio XX secolo costituite nella forma giuridica di società in accomandita semplice.
La dissertazione contiene elementi originali e inediti risalenti alla metà dell'Ottocento rinvenuti presso l'Archivio di Stato di Como.
Viene analizzato il caso di una delle più famose accomandite la Sala Regazzoni & C., già Mariani Sala & C. (le denominazioni sociali contengono i nomi dei gerenti della banca), una banca al servizio della locale imprenditoria serica, ma capace di prodigarsi anche in operazioni finanziarie al di fuori del distretto di Como, fra le quali la più eclatante è sicuramente quella del sovvenzionamento del ramo ferroviario Bari-Locorotondo, che condurrà l'istituto al fallimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo spunto per la redazione della seguente tesi di laurea è sorto con la partecipazione al seminario dal titolo “Banche locali e sviluppo economico in Lombardia, 1860-1960. Mercati, istituzioni, politiche regolative”, tenutosi presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi dell’Insubria di Varese in data 9 maggio 2002 e presieduto dal prof. Giandomenico Piluso. Nell’occasione, per quanto concerne la struttura creditizia dell’area insubre, si faceva menzione ad alcuni fallimenti bancari che avevano coinvolto nel primo decennio del Novecento istituti operanti a Como e a Varese e, nella fattispecie, la Banca Sala Regazzoni & C. di Como (anno 1906) e la Banca dei Depositi e dei Conti Correnti di Varese (anno 1913). Da qui è nato il desiderio di procedere ad ulteriori approfondimenti in merito ai due eventi. Tralasciando le vicissitudini riguardanti la piazza finanziaria varesina e la “Banca Molina”, già analizzate peraltro in modo dettagliato in lavori precedenti 1 , si è preferito restringere il campo di studio al sistema bancario della città di Como e del suo circondario nei decenni compresi fra i secoli XIX e XX, focalizzando l’attenzione in modo precipuo sulla funzione svolta all’interno del distretto economico lariano (tradizionalmente e storicamente al centro della lavorazione e del commercio della seta) dalle cosiddette società bancarie in accomandita semplice. Si è poi proceduto ad analizzare il caso di una delle ditte più in vista all’interno del panorama delle accomandite comasche, vale a dire la sopra citata Sala Regazzoni & C. (la cui ragione 1 Fra i quali spicca quello di E. Ducrocchi, Un istituto di credito, un’economia, una società: le vicende della Banca di Varese di depositi e conti correnti, tesi di laurea, Milano, Università commerciale Luigi Bocconi, Facoltà di Economia e Commercio, anno accademico 1978-1979, custodita anche presso l’Archivio Storico della Camera di Commercio di Varese.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Pagani Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 580 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.