Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi relativi alla fissazione del prezzo di rivendita nelle intese verticali

Il presente lavoro ha ad oggetto l’analisi delle problematiche concernenti la fissazione verticale del prezzo di rivendita. Tale fenomeno, nel diritto antitrust statunitense, va sotto il nome di Resale Price Maintenance (d’ora in poi RPM).
La RPM costituisce una specie rispetto al più ampio genus delle ‘intese verticali’. Queste ultime sono state complessivamente oggetto di recenti interventi di carattere legislativo e giurisprudenziale tanto negli Stati Uniti d’America, quanto nell’Unione Europea.
L’attualità dell’argomento deriva dal fatto che, negli ultimi anni, sono emerse crescenti perplessità circa il trattamento riservato alle intese da parte delle autorità antitrust. Si opina, infatti, che l’approccio del diritto antitrust agli accordi verticali non risulta sempre coerente dal punto di vista economico.
La trattazione che segue si articola, pertanto, in due parti. Si procederà dapprima a inquadrare la RPM da un punto di vista fenomenologico, nel contesto delle intese verticali, avvalendosi degli strumenti dell’analisi economica. Nella seconda parte si concentrerà quindi l’attenzione sulla RPM nel diritto antitrust, osservandosi l’evoluzione dell’approccio a quest’ultima problematica dal punto di vista sia della legislazione e della giurisprudenza statunitensi, sia del diritto comunitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Il presente lavoro ha ad oggetto l’analisi delle problematiche concernenti la fissazione verticale del prezzo di rivendita. Tale fenomeno, nel diritto antitrust statunitense, va sotto il nome di Resale Price Maintenance (d’ora in poi RPM). La RPM costituisce una specie rispetto al più ampio genus delle ‘intese verticali’. Queste ultime sono state complessivamente oggetto di recenti interventi di carattere legislativo e giurisprudenziale tanto negli Stati Uniti d’America, quanto nell’Unione Europea. L’attualità dell’argomento deriva dal fatto che, negli ultimi anni, sono emerse crescenti perplessità circa il trattamento riservato alle intese da parte delle autorità antitrust. Si opina, infatti, che l’approccio del diritto antitrust agli accordi verticali non risulta sempre coerente dal punto di vista economico. La trattazione che segue si articola, pertanto, in due parti. Si procederà dapprima a inquadrare la RPM da un punto di vista fenomenologico, nel contesto delle intese verticali, avvalendosi degli strumenti dell’analisi economica. Nella seconda parte si concentrerà quindi l’attenzione sulla RPM nel diritto antitrust, osservandosi l’evoluzione dell’approccio a quest’ultima problematica dal punto di vista sia della legislazione e della giurisprudenza statunitensi, sia del diritto comunitario.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Laura Finocchietti Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1677 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.