Skip to content

La comunicazione come leva del successo aziendale

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Santone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Luciano D'amico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 258

Un’azienda che vive è un’azienda che comunica. L’azienda, infatti, scambia informazioni e negozia significati. Il fine è quello di ridurre le tendenze disgregative che porterebbero alla distruzione. L’azienda, come un organismo vivente, metabolizza i dati provenienti dall’esterno cercando di compensare le strutture interne. La compensazione segue le regole proprie del soggetto in questione. Ogni azienda ha una sua storia ed un suo modo di manipolare i simboli: dipende dalla configurazione dei nodi interconnessi e da come il management agisce. I fenomeni emergenti dal cambiamento e dell’apprendimento sono il frutto di questa capacità di resilienza (varietà e diversità) e della autopoiesi che ne deriva. L’unico modo grazie al quale l’impresa diventa resiliente è quello di disegnare un’organizzazione fondata sulla fiducia, in cui le relazioni tra gli individui, e tra le funzioni siano lasche, ossia non eccessivamente ed inutilmente formali. Tali connessioni devono lasciare un margine di manovra, di discrezione al soggetto o funzione all’interno dell’azienda. Una certa ambiguità nelle mansioni da svolgere è indispensabile affinchè si possa avere quella ridondanza, quell’eccedenza di conoscenza che permette l’autopoiesi. L’azienda che vive è un’azienda che si pone delle domande. La saggezza aziendale è implementata dal dubbio. Le connessioni lasche e lo slack di conoscenza sono il motore del cambiamento. Permettono infatti di ripensare vecchi problemi in modi diversi e di trovare soluzioni migliori. D’altra parte l’evoluzione si muove a partire da ciò che è meno indispensabile, da ciò che è futile. Cambiare punti vitali sarebbe, infatti, altamente rischioso per aziende già avviate. L’evoluzione fluttua tra due estremità: da una parte la stabilità e la conservazione dell’esistente, dall’altra parte il mutamento. Ogni processo di scambio è un processo comunicativo, in quanto produce una modificazione in entrambi i soggetti coinvolti. La comunicazione si attua quando una differenza genera differenze, ossia quando sistemi cognitivi diversi devono raggiungere nuovi livelli di omeostasi in seguito allo scambio informativo. La comunicazione, nel senso di condivisione, è possibile solamente in condizioni di asimmetria informativa tra i soggetti che interagiscono.
Il compito del management è quello di gestire i flussi comunicativi, poiché è grazie ad essi che “emerge” il fenomeno dell’apprendimento e quello dell’evoluzione. Il management deve altresì modificare lo stile di leadership, deve cioè diventare un motivatore, una guida con una visione, deve in un certo senso compiere manovre retoriche, proponendo un’ideologia, poichè è essa che muove, in ultima istanza, l’uomo. Il manager post-moderno sa che è impossibile raggiungere la perfezione. Egli deve scorgere le sub-ottimalità, innanzitutto rendendosi conscio e valorizzando le imperfezioni. Deve “fare di necessità virtù”. Un celebre saggio di Gould (scomparso recentemente), dal titolo Gli alberi non crescono fino in cielo, rende bene l’idea. L’equilibrio, l’impiego razionale delle risorse, la limitazione della dimensione, sono tutti fattori che generano il fit dell’organismo nei confronti di una determinata nicchia ecologica. L’evoluzione cieca e “pluralista” è frutto di una serie di cause, di cui la selezione naturale è certo la principale, ma non è l’unica, e nell’insieme queste cause non hanno alcuna direzione predefinita. Una metafora, cara a Stephen Jay Gould:. “Se potessimo riavvolgere il film della vita e riproiettarlo, difficilmente alla fine della rappresentazione vedremmo comparire di nuovo Homo sapiens sapiens o una specie auto-cosciente che gli somiglia”. Noi uomini intelligenti e presuntuosi siamo il frutto di una successione unica e irripetibile di cause, perfettamente spiegabile a posteriori, ma assolutamente imprevedibile a priori. A ben vedere, la proposta culturale di Stephen Jay Gould è il “principio copernicano” portato fino alle sue estreme conseguenze. Non solo noi uomini non siamo al centro nè dello spazio nè del tempo cosmici. Ma non siamo il frutto di alcuna causa necessitante. Siamo figli del caso. Anzi, di una fortunata e irripetibile contingenza. L’azienda che sopravvive è un’azienda che in primis si dà un’identità forte che possa resistere alle perturbazioni ambientali. In secondo luogo deve fronteggiare il caso, anticipandolo e rivolgendosi a team formati da persone con competenze trasversali che sappiamo indirizzarlo e gestirlo. Gli sforzi di diversificazione e di cooperazione tra aziende servono appunto a fronteggiare la complessità informativa, nello sforzo di ridurla. Poiché l’informazione è la vera risorsa che genera il vantaggio competitivo, essa deve essere condivisa. L’informazione, infatti, non è soggetta alla legge dei rendimenti decrescenti, anzi, la condivisione ne aumenta esponenzialmente il valore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione ___________________________________________________________ Il presente lavoro intende analizzare le strategie comunicazionali tramite le quali l’impresa riesce a ridurre la complessità informativa dello scenario competitivo mondiale, in modo da adattarsi e costruire modelli di gestione e strategie di successo. Il contesto competitivo è caratterizzato da un grado di dinamicità non più controllabile ed il numero di variabili in gioco non permette alcun pre-adattamento di tipo meccanicistico 1 . L’imprevedibilità diventa norma, così come la capacità dell’azienda di anticipare la concorrenza innovando e gestendo sistemi di comunicazione, sia interni sia rivolti all’esterno, in grado di costituire una competenza distintiva che possa determinare un vantaggio competitivo sostenibile nel lungo periodo. L’organizzazione aziendale, al pari degli organismi viventi 2 , è definibile come un sistema in cui le varie parti, che svolgono funzioni diversificate in base al livello di isomorfismo 3 con l’ambiente, sono in relazione continua secondo un modello di interdipendenze reciproche. La rete dei flussi informativi interni è in grado di generare una ridondanza virtuosa. I sistemi informativi integrati agevolano questo processo di accumulazione e di prelevamento repentino di informazioni “di secondo livello” grazie ad applicativi ad hoc. In più, le organizzazioni odierne stanno subendo un ri-adattamento orientato alla snellezza delle forme e delle procedure in modo da lasciare la gestione delle attività non distintive ad operatori esterni (out-sourcing); Dalla combinazione tra un’organizzazione lean, spogliata degli aspetti burocratici ed 1 La teoria classica meccanicistica contempla una visione dei fenomeni economici di stampo razionale e sinottico, in cui l’incertezza non rappresenta un ostacolo per l’impresa.. Attraverso processi precodificati è possibile pervenire a decisioni strategiche adeguate e l’unico compito dell’azienda è quello di adattarsi in modo meccanico all’ambiente. 2 In questo lavoro verrà più volte ripresa l’analogia biologica delle organizzazioni. Tale impostazione trova ormai molti riconoscimenti e rappresenta un buon modo per osservare il fenomeno aziendale nella sua dinamicità. 3 Per isomorfismo si intende la proprietà delle organizzazioni di strutturarsi in relazione al grado di strutturazione dell’ambiente esterno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi