Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi

Nella tesi sono stati analizzati i riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie ed in particolar modo dei rischi operativi. Nell'analizzare tali riflessi, ci si è prima soffermati sull'analisi dei rischi operativi dal punto di vista della Vigilanza (Basilea 2 ed i suoi tre pilastri) e quindi dal punto di vista della pratica bancaria. Sono state analizzate in particolare le tecniche di misurazione e gestione ed i problemi ad esse connessi prendendo spunto da alcuni casi concreti di misurazione e gestione dei rischi operativi (ad es. il modello interno del S. Paolo Imi). In ultimo si è analizzata l'importanza delle funzioni di controllo interne in Banca ai fini del contenimento dell'esposizione della banca al rischio operativo, sottolineando l'importante ruolo della funzione di Internal Audit e dimostrando come la carenza dei controlli sia una causa determinante di rischio operativo (caso Allfirst). La valutazione in seduta di Laurea è stata di sette punti su di un massimo di otto.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema bancario internazionale sta affrontando un complesso e delicato processo di trasformazione grazie all’intensificarsi dell’innovazione finanziaria e tecnologica e, soprattutto, grazie all’aumento della concorrenza su scala internazionale che ha indotto le banche ad entrare in nuovi mercati e ad ampliare la gamma di prodotti e servizi offerti. Tutto ciò ha incrementato il livello di rischio che le banche devono affrontare nello svolgere le loro attività e, di conseguenza, è aumentato il livello di capitale che esse devono porre a protezione da tale rischio il quale non è più rappresentato solamente da quello classico dovuto all’attività di intermediazione creditizia (rischio di credito o di controparte) ma anche da quello di mercato e operativo. Data la crescente rischiosità dell’attività bancaria, allora, la gestione dei rischi diviene sempre di più un vero e proprio fattore competitivo e driver gestionale e l’esatta misurazione e gestione del rischio–tramite l’introduzione di tecniche di Risk Management che si servono del Var quale strumento di misurazione del rischio–diviene un elemento indispensabile per una giusta allocazione del capitale alle varie unità

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco D'abbruzzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3722 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.