Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova legge sulle indagini difensive

La nuova legge sulle indagini difensive numero 397 del 2000. In particolare i precedenti della legge, i soggetti autorizzati, l'oggetto, l'attività investigativa preventiva, acquisizione di documenti presso la Pubblica Amministarzione, la ricerca di fonti di prova dichiarative, ricerca degli elementi di prova tecnica, i tempi dell'indagine difensiva, l'utilizzazione, il fascicolo del difensore.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 I PRECEDENTI DELLA LEGGE SULLE INDAGINI DIFENSIVE 1.1 IL DIRITTO DELLE PARTI ALLA PROVA. L’art. 190 c.p.p. affermando al comma 1 che “le prove sono ammesse a richiesta di parte” segna la svolta netta in senso accusatorio che il legislatore ha previsto nel Codice di procedura penale del 1988. Tale impostazione, di ispirazione anglosassone, era stata da più parti invocata sotto la vigenza del precedente codice 1 e in questa norma trova una affermazione decisa, tanto che il citato articolo 190 al comma 2 definisce come eccezionali le prove ammesse d’ufficio. Tuttavia mentre nella fase dibattimentale il principio del diritto delle parti alla prova trovava un pieno riconoscimento risultando così realizzata la direttiva 3 della legge delega e cioè la “partecipazione dell’accusa e della difesa su basi di parità”, per quanto riguarda la fase delle indagini preliminari il disposto dell’ articolo 190 assumeva una mera “portata di carattere generale” 2 . In effetti la disciplina dettata per tale fase risultava elusiva del problema, non prevedendo alcuna norma che in qualche modo 1 Si veda per tutti G.Vassalli,”Il diritto alla prova nel processo penale” in Riv.It.Dir.P.P.1968 p.3. 2 M.Nobili in” Commento al nuovo codice di procedura penale”,a cura di M.Chiavario, Vol.II, Utet ,Torino, p 403.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elisabetta Pagano Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7831 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.