Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di sistemi locali d'imprese basati sull'information and communication technology: il caso Euro Sistemi S.r.l.

Lo sviluppo dei distretti tecnologici. La diffusione di conoscenza in un distretto industriale tecnologico. Il Knowledge management. ICT e nuove tecnologie il caso Euro sistemi srl. azienda di software. Sviluppo di sitemi locali d'imprese.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I I sistemi locali d’imprese e le dinamiche distrettuali 1.1 . Premessa L'economia globale sta cambiando i distretti industriali dall'interno. Per occupare i nuovi spazi, e non rimanere spiazzato, ciascun distretto deve modificare i prodotti che fa, e il modo con cui li fa, a partire dal nucleo su cui si regge il suo vantaggio competitivo: le competenze esclusive accumulate in un certo campo di "saper fare". Se nel distretto le Aziende si attrezzano per essere presenti è perché capiscono che lì possono entrare in contatto con competenze, idee, varietà e flessibilità non disponibili altrove. Solo se queste capacità riusciranno a riprodursi nel prossimo futuro, l'ingresso delle multinazionali non significherà colonizzazione del distretto, ma piuttosto espansione globale della rete di fornitura e di mercato su cui possono contare le imprese ivi localizzate. Per seguire questa evoluzione, tuttavia, il distretto deve specializzare in modo sempre più fine le competenze possedute e diversificare il proprio campo di applicazione. Non si sopravvive restando fermi, ma cambiando continuamente prodotti e processi (Bortolotti, 1994). Ma è difficile realizzare i cambiamenti che servono quando riguardano non la singola impresa, ma l'ambiente e le risorse collettive, infatti, bisogna formare le nuove professionalità, integrare in modo civile gli immigrati da impiegare nella produzione, investire in risorse immateriali e governare i processi di delocalizzazione, sfuggendo al pericolo di avvitare tutta la subfornitura in una spirale di crisi (come accade oggi al tessile abbigliamento). Insomma: la globalizzazione può anche essere un ottimo affare, ma solo se le sue valenze positive non vengono bloccate da "colli di bottiglia" che possano frenare la trasformazione dei

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Siynardi Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1347 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.