Skip to content

La revisione

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Matarazzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Claudia Cesari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 209

Il presente elaborato prende in esame uno dei più delicati punti di equilibrio del nostro sistema processuale, attraverso il quale l’ordinamento mira a realizzare una non facile mediazione tra la tendenza autoconservativa del giudicato e la necessità di verificare l’ipotesi dell’errore giudiziario, tutelando, in tal modo, non solo l’interesse privato alla rimozione del provvedimento de quo, ma anche quello, avvertito nella coscienza pubblica, di aprire una via di salvezza alla giustizia manomessa.
Sviluppando lo studio nella prospettiva della moderna revisione, si è avuto modo di evidenziare come l’istituto, riscattato dal potere esecutivo, si distanzi progressivamente dai provvedimenti clemenziali del sovrano, assumendo nel contempo le forme di un comune strumento processuale, azionabile su istanza di parte e preordinato alla rimozione di uno svantaggio derivante da una decisione del giudice; la fattispecie finisce, cioè, per essere configurata alla stregua di un mezzo di impugnazione, come previsto da una sistematica codicistica, che, sebbene consolidata, non si è, tuttavia, sottratta a numerose critiche.
In special modo, parte della dottrina, celebrando il “mito del giudicato”, inteso come fenomeno giuridico che introduce nel mondo del diritto qualcosa di nuovo, fermo e immutabile, ritiene categoricamente inadeguata simile collocazione, preferendo piuttosto considerare l’istituto alla stregua di una revocatoria processuale, preordinata alla mera inibizione degli effetti esecutivi della condanna.
Influenzata da particolari contingenze storiche, simile concezione ha, tuttavia, manifestato ben presto evidenti limiti d’affidabilità, lasciando conseguentemente spazio alla classificazione del codice, accolta ormai pacificamente come il risultato di una valutazione, consapevole delle reali natura e finalità della revisione all’interno del procedimento penale: complementare all’ordo, che, in virtù del principio di disponibilità del rapporto processuale, dà alle parti la facoltà di provocare una nuova decisione sull’accertamento in fieri, essa costituisce, infatti, un comune mezzo d’impugnazione, definito, però, straordinario, in ragione della sua capacità di incidere sul decisum, tutelando, in tal modo, le esigenze di giustizia postume e scongiurando il pericolo che la verità reale sia sacrificata al rigore delle forme.
Dopo aver ampiamente analizzato gli effetti derivanti dalla extra-ordinarietà – carattere che non si limita ad indicare la capacità di “revocare di ciò che è irrevocabile”, ma funge, altresì, da presupposto per una serie di accorgimenti, che condizionano vistosamente la disciplina dell’istituto – sono state, poi, approfondite alcune importanti questioni dogmatiche, in relazione al fondamento giuridico e al rapporto dell’istituto con il principio del ne bis in idem.
Passando all’esegesi del dettato normativo, l’attenzione si è, in primo luogo, soffermata sulle problematiche connesse alla natura del provvedimento impugnabile, con particolare riguardo alla ratio sottesa alla scelta del legislatore di ammettere la sola reformatio in melius del provvedimento de quo, alla possibilità, de iure condendo, di legittimare anche la revisione delle sentenze di assoluzione con formula minore, alla rivedibilità delle pronunce, emesse al termine dei giudizi speciali; spostando l’oggetto d’indagine sull’impianto casistico, configurato dall’art. 630 c.p.p., si è, successivamente, provveduto ad esaminare i presupposti che sorreggono l’istanza d’impugnazione, effettuando, infine, una panoramica sui profili procedurali essenziali.
In rapporto ad alcuni disegni di legge, recentemente presentati in Parlamento, sono state, in conclusione, valutate le prospettive di riforma dell’istituto, che, volte all’adeguamento ai principi del giusto processo (art. 111 Cost.), stanno sollevando numerose perplessità da parte degli operatori giuridici. La polemica, così innescata, evidenzia ancora una volta la notevole complessità dell’istituto, posto, è vero, a garanzia dei diritti dell’innocente, ma, al contempo, inevitabilmente sensibile alle esigenze di stabilità dell’ordinamento.
L’intervento legislativo, sebbene apprezzabile sotto il profilo dell’adattamento del diritto interno alle sollecitazioni di quello internazionale, non può, tuttavia, far dimenticare gli effetti collaterali di tale proposta (testo unificato C. 1447-C. 1992), che, in nome di “ineccepibili principi di alta civiltà giuridica”, rischia di intaccare seriamente l’affidabilità della macchina giudiziaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I Profili storici 1. Le origini della revisione. Il processo è tendenzialmente rivolto all’accertamento della verità 1 ; una verità senza dubbio influenzata dal metodo processuale e scandita dalle prescrizioni del codice di rito, ma che, ciononostante, deve aderire, quanto più possibile, alla concreta situazione di fatto, allo scopo di fondare una decisione degna di passare in giudicato 2 . La dissonanza, anche consistente, di questi due termini – verità reale e verità processuale – non può in ogni caso essere esclusa, poiché l’errore è insito nell’uomo e quello giudiziario costituisce sì una temibile aberrazione della funzione giurisdizionale, ma anche «il tributo che l’umana fralezza quotidianamente paga alla natura inesorabile» 3 . Ad una simile eventualità è necessario porre rimedio, posto che l’errore riconosciuto e non riparato costituisce un “delitto” di cui è lo Stato a macchiarsi, dal quale si chiede, pertanto, un «atto di umiltà […] (teso) a riconoscere i limiti di perfezione delle (proprie) attività come opere degli individui e (la) conseguente accettazione di ogni strumento atto a rimuovere l’ostacolo alla sopravveniente luce della verità» 4 . Simili problematiche furono per la prima volta affrontate dal diritto romano; la storia della revisione affonda le radici nell’epoca del principato, cui risalgono le prime fonti relative ad un rimedio, la c.d. licentia supplicandi 5 , utilizzabile per evitare il pregiudizio di ingiuste condanne irretrattabili. Tale provvedimento, rimesso al potere decisionale del 1 Così E. FLORIAN, Principi di diritto processuale penale, Giappichelli, Torino, 1932, pagg. 52 ss.; l’affermazione, seppur categorica, ha il solo scopo di evidenziare il divario tra la funzione dichiarativa e quella costitutiva della giurisdizione penale. Da un lato, infatti, l’esercizio del potere giurisdizionale si traduce nell’atto di accertamento «che dà vita ad una norma (e sia pure come lex specialis) che può essere di contenuto sostanziale o processuale, secondo che sia destinata a regolare un rapporto sostanziale o un rapporto processuale» (V. DENTI, I giudicati sulla fattispecie, in Riv. Trim. dir e proc. civ., 1957, pag. 1346), dall’altro, invece, l’attenzione si sofferma nella sanzione, la quale, espressione della potestà punitiva dello Stato nei confronti dei consociati, «è la sintesi della manifestazione dell’attività dell’organo giurisdizionale» (P. MIRTO, Le revocatorie processuali penali, in Riv. Dir. Pen., 1935, I, pag. 306). 2 «Tale autorità (di cosa giudicata) può sostanzialmente ritenersi giustificata in quanto riposi su due presupposti: a) una base di fatto vera e reale alla quale si riferisca, nel caso concreto, la legge dello Stato; b) la rigorosa osservanza, da parte del giudice, della volontà della legge sostanziale e processuale. Mancando uno di codesti presupposti la cosa giudicata si presenta come una verità formale non sostenuta da una verità reale» (così U. PIOLETTI, voce Revisione, in Enc. Forense, Casa Ed. Fr. Vallardi, Milano, vol. VI, 1961, pag. 415); vd. anche R. VANNI, voce Revisione del giudicato, in Enc. Dir., Giuffré, Milano, vol. XL, 1989, pag.158. 3 A. MARINI, Le vittime degli errori giudiziari, Marchi, Camerino, 1911, pag. 3. 4 G. LEONE, Il mito del giudicato, in Riv. It. Dir. Proc. Pen., 1956, pag. 196. 5 L.5 De precibus imperatori offerendis et de quibus rebus supplicare liceat vel non, Cod. I, 19.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

condanna definitiva
giudicato
patteggiamento
processo penale
procedura penale
adriano sofri
revisione giudiziaria
revisione del giudicato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi